Facebook icon
YouTube icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
Riprende l'apertura dei Campi esterni del RIC dal lunedì al venerdì dalle ore 15:30 alle ore 18:30 --- Martedì 26/07 ricordo dei Santi Gioacchino ed Anna: ore 09:00 S.Messa presso la Chiesa del B.V. del Soccorso sul Monte Quarin, ore 18:30 S.Messa presso il Santuario di Rosa Mistica e ore 20:00 S.Messa all'esterno della Chiesa di San Giorgio a Brazzano --- Domenica 31/07 Festa Patronale di San Giacomo a Lonzano ore 10:00 S.Messa animata dal soprano Ivana San e dal fisarmonicista Nicola Rossi ---

Guarda la galleria fotografica

I banchi del Duomo “prenotati” dalle famigli agiate (28)

Gran parte della navata del Duomo è occupata da quaranta banchi disposti sue due file, divise dal corridoio centrale (crociata), utilizzati dai fedeli per seguire le celebrazioni liturgiche. Realizzati in noce, finemente intarsiati sui lati, risalgono alla fine del Settecento o al più tardi ai primi dell’Ottocento.

Secondo una pianta, appartenente all’archivio comunale, i banchi erano “prenotati”, dietro un compenso dai nobili e dalle famiglie agiate cormonesi. Questo privilegio era presente anche nella vecchia pieve e, confrontando le disposizioni dei banchi, nel nuovo duomo poche erano le novità: quasi tutte le famiglie avevano confermato la loro prenotazione precedente. I primi banchi del lato destro (cornu epistulae) venivano occupati dalle famiglie dei baroni e conti Del Mestri; a sinistra (cornu evangeli) il primo banco era riservato ai conti Nehaus. Le diverse famiglie dei nobili Locatelli occupavano diversi banchi, c’erano poi i baroni Taccò e il conte de Colombicchio. Anche famiglie non nobili, ma facoltose e di un certo rango prenotavano i banchi come i Cipriani, i Novajolli, i consorti Panzera e gli Zoppolatti. A quel tempo avere un proprio banco nella chiesa era uno status sociale a cui pochi rinunciavano. Nell’Ottocento anche i Cumano ottennero il privilegio di sedersi in un banco.

Ancor oggi su alcuni banchi sono incisi nel legno oppure in targhette di ottone i nomi delle famiglie che avevano il diritto al posto. E il popolo? O era confinato in fondo alla chiesa oppure occupava i posti lasciati liberi.

Galleria di immagini: 

Diretta Streaming

 

Diretta Video Live:

Accesso utente

 

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2018

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Dana Sport articoli sportivi
  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato.
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.

Stillate, cieli, dall’alto, le nubi facciano piovere il Giusto; si apra la terra e germogli il Salvatore. (Cf. Is 45,8)

Gianfranco Ravasi, Cardinale

Esprimo la mia vicinanza alle popolazioni delle Filippine, colpite da un forte tifone che ha provocato molti morti e distrutto tante abitazioni. Che il Santo Niño porti consolazione e speranza alle famiglie più colpite. #PreghiamoInsieme.

Francesco, Papa

Notizie del SIR

Cerca un Sito Cattolico