Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
Sabato 06/08 Inizio Vacanze di Branco a Cesclans --- Lunedì 08/08 Inizio campo ACR a Tribil Superiore Inizio Campo di Reparto a Barcis --- Mercoledì 10/08 ore 18.30 Chiesa S. Lorenzo: S. Messa vespertina --- Domenica 14/08 Inizio Route di Noviziato in Umbria Inizio Route di Clan --- Lunedì 15/08 Festa dell'Assunzione della B.V. Maria --- Martedì 16/08 Inizio Grest 2016
  • Le comunità
    Tutte le news da chiesacormons.it
    Gli orari delle sante messe
    La settimana insieme
    Il calendario annuale
  • In linea diretta
    Live da Rosa Mistica
    I 3 canali radio
    I podcast degli eventi principali
    I nostri video
    Gli album fotografici
  • I servizi
    Richieste alla parrocchia
    Domande frequenti
    Ufficio
    Chi siamo
  • La storia
    Le 20 chiese dell'unità pastorale
    I gruppi e le associazioni
    Briciole di storia nostra
    Cosa è successo negli anni scorsi

La galleria fotografica della settimana

 

Grest 2016: prima settimana

Guarda qui le foto della settimana passate!

Guarda qui altri album fotografici!

Grest 2016: ottavo giorno

Guarda la galleria fotografica

Dopo una faticosa settimana di gare nella Ric Arena i nostri campioni si sono concessi una giornata di riposo prima di affrontare nuovamente gli impegni sportivi delle Grestiadi.

Quindi non c’è stata idea migliore che una bella uscita al Parco Acquatico di Lignano.

Tutti i nostri atleti infatti, presi costume e ciabattine, sono partiti questa mattina dal Palazzetto dello Sport di Cormons pronti per una fantastica giornata all’insegna del nuoto e del divertimento.

Domani i ragazzi riprenderanno le discipline sportive con il solito orario nella Ric Arena.

12 agosto 1866: l'Armistizio di Cormòns

1966 centenrio dell'Armistizio di CormònsOggi è storicamente provato che l’armistizio al termine della 3° Guerra d'Indipendenza venne firmato a Cormons il 12 agosto 1866, nell’attuale Villa Tomadoni in via Piave, a quel tempo di proprietà del podestà Camillo della Torre. Ma per decenni Cormons e Sant’Andrat si contesero la sede. A dare una parola definitiva fu un saggio di Giovanni Battista Falzari, pubblicato nel 1957 su “Studi Goriziani”, dal quale, riportando stralci dei diari dei due plenipotenziari – il generale Agostino Petitti conte di Roreto per l’Italia e generale Carlo Moring per l’Austria-Ungheria - emerge in modo inequivocabile che l’armistizio venne firmato nell’abitazione del conte della Torre. “All’entrata di questa città (Cormons) – scrive Petitti – esiste a mano sinistra una modesta casetta di un tal conte Torriani… Subito dopo la porta a destra sta una camera a pianterreno, poco ornata e poco mobiliata ed è in quell’ambiente che tenemmo le sedute”.

Formazione Catechisti

Formazione CatechistiCon la quattro giorni formativa di Romans d’Isonzo (XVII edizione), da lunedì 29 agosto a giovedì 1 settembre, continuerà la riflessione e condivisione che ha per oggetto il rinnovamento della prassi della Chiesa che, come madre, genera nuovi figli. Annunciare la vita buona del Vangelo, infatti, non può limitarsi ad una mera trasmissione e comunicazione dottrinale dei contenuti della Fede e ad un consenso su di essi, ma è l’esperienza di incontro con Gesù nella Chiesa, passando attraverso la riscoperta dei linguaggi propri della Fede e di quelli umani. Di questi verranno approfonditi tre:

✴ Il linguaggio narrativo. Il racconto è una delle modalità privilegiate con cui si stabilisce una relazione. Il racconto ci permette di entrare nelle storie, di immedesimarsi, di sperimentare emozioni e sentimenti. Il racconto è un modo di procedere tipico delle pagine bibliche. Attraverso la narrazione scopro l’opera di Dio nella storia e nella propria vita, conosco e incontro Gesù

✴ Il linguaggio cinematografico. Il cinema può rappresentare uno dei mezzi più efficaci per avvicinare le persone alla Fede, perchè il linguaggio cinematografico può rivelarsi molto utile per mediare i contenuti della Fede.

Grest 2016: settimo giorno

Guarda la galleria fotografica

Una settimana di Grestiadi si è appena conclusa quest’oggi con uno sport davvero interessante: il Rugby!

Calimero ha studiato un piano geniale per rovinare i giochi: i suoi scagnozzi, travestiti da giocatori, si sono infiltrati in mezzo agli atleti e insieme a Cucciolo, un terrificante personaggio che istiga al male e alla violenza, hanno gareggiato contro i nostri giocatori seminando arroganza.

Ma, come è giusto che sia, il male è stato sconfitto dal bene: giocando in modo corretto e leale, senza inganni, siamo usciti trionfanti da tutte le competizioni.

Il Rugby, anche se sembra uno sport duro e violento, educa invece alla lealtà e al rispetto. Il placcaggio insegna ad abbattere un uomo con tutta la forza di cui si è in possesso rimanendo tuttavia dentro i limiti di correttezza, perché nel Rugby se un giocatore commette una brutta azione viene fischiato anche dai tifosi della sua stessa squadra.

Oggi insieme ai nostri atleti abbiamo sconfitto la violenza, che distrugge l’essere fatti per la comunità, e quindi distrugge noi stessi.

Ricordatevi sempre che chi è violento colpisce sempre due persone: se stesso e l’altro.

Grest 2016: sesto giorno

Guarda la galleria fotografica

Ad ogni Olimpiade che si rispetti il calcio è uno sport sempre presente, infatti anche la nostra Ric Arena è diventata, nel suo sesto giorno di attività, uno stadio a tutti gli effetti.

I nostri atleti hanno partecipato a diverse specialità quali, ad esempio, il calcio saponato o dei percorsi ad ostacoli un po’ più bagnati del previsto.

Anche oggi Calimero, con l’aiuto del Principe delle Favole, è riuscito a scatenare qualche subbuglio all’interno dell’arena.

Il Principe infatti, travestito da Biancaneve, si avvicina ad Apollo e con un losco trucco gli consegna uno specchio magico facendo così specchiare Apollo che inizia ad adularsi.

Credendosi il migliore, si avvicina ai suoi amici per sottolineare quanto questi ultimi fossero solo di intralcio fra lui e la vittoria.

Peccato che i suoi amici, lavorando come una squadra, siano riusciti a vincere a differenza di Apollo che, sconfitto, è molto triste.

Demetra si accorge dello specchio e intuisce che c’è qualcosa di strano legato a esso, quindi lo prende e lo getta via.

Le attività estive

Martedì scorso presso il Centro Pastorale “Mons.Trevisan”, ribattezzato per l’occasione “Ric Arena”, si è “acceso” il braciere delle Grestiadi ovvero le Olimpiadi del Grest!!! Quest’anno, infatti, l’ambientazione del Centro Estivo del Ric Cormòns, è quella sportiva. Lo sport porta in sé tante metafore: ci vuole, infatti, tanto impegno e fatica; serve molta costanza: a volte anni anche per una semplice manciata di secondi. T’insegna il rispetto verso tutti, perché la sfida è soprattutto con se stessi. E si è campioni davvero quando si ha stile anche nella vita e non solo in gara. Inoltre lo sport mette insieme… lo sport parla plurale… lo sport è educativo, ed in fondo, il vero CAMPIONE è colui che riesce a realizzare la propria vita, ad essere felice: per i cristiani la strada per raggiungere la Felicità non è solo un nome ma una persona: Gesù!!! Ieri pomeriggio sono rientrati parte degli gli scout dalle loro esperienze estive: il Clan da Moggio Udinese ed il Reparto da Barcis mentre il Noviziato rientra oggi da Assisi. Sono stati giorni intensi nei quali, nonostante, il tempo non sempre bello, hanno potuto vivere esperienze indimenticabili: un

grande grazie ai Capi Scout che hanno investito le loro ferie per la crescita umana e spirituale dei nostri giovani!!!

 grest

Grest 2016: quinto giorno

Guarda la galleria fotografica

Per il quinto giorno delle nostre emozionanti Grestiadi lo sport che gli atleti hanno affrontato oggi è stata la staffetta.

Nella nostra Ric Arena, in un attimo di distrazione generale, gli scagnozzi di Calimero rubano il testimone, ma ciò non è bastato a fermare i nostri atleti i quali si sono dati lo stesso da fare per vincere le competizioni.

Nonostante le difficoltà che la vita ti presenta e nonostante gli imprevisti non bisogna mai perdersi d’animo e quindi affrontare la vita con molta buona volontà.

Nella staffetta, si sa, gli atleti si chiamano frazionisti. La staffetta è uno sport dove tu hai la tua gara personale ma sai che comunque dipendi dagli altri e che devi contare sulla performance degli altri se vuoi vincere.

Oggi eravamo disperati, credevamo di non farcela ma insieme abbiamo superato le difficoltà.

L'improvvisa morte di Padre Poiana

Si sono celebrati giovedì scorso a Padova, alla presenza di una folla enorme, i funerali di Padre Enzo Paolo Poiana, Rettore del Santuario di Padova ed originario di Corona. Avevamo avuto la gioia di accoglierlo in mezzo a noi, lo scorso 23 aprile, quando ha presieduto la Festa Patronale di Sant’Adalberto. Amante della sua terra, da sempre, aveva un legame profondo e privilegiato con Rosa Mistica e le Suore della Provvidenza. Così Padre Giovanni Voltan, ministro provinciale della Provincia Italiana di S. Antonio di Padova dei Frati Minori Conventuali, ha voluto salutare l’amato Padre Enzo: “Il 15 agosto nella S.Messa al tuo paese, Corona di Mariano del Friuli, hai cantato la bellezza della Pasqua di Maria Ss.ma nella sua

Assunzione in cielo in corpo ed anima, hai salutato la mamma, sei tornato dai frati nella Casa "S. Antonio a mare" (a Bibione). La Divina Provvidenza ha così disposto - con una regia delicata e discreta - di prepararti all'Incontro e di donarti, tutt'insieme, i tuoi amori: la casa e la famiglia ove sei nato, il fonte battesimale ove sei rinato come figlio di Dio, l'altare della prima di tante messe come sacerdote, la sempre invocata B. V. Maria, il tuo S. Antonio, i tuoi frati, i volti di tanti amici. Non hai mai avuto paura di manifestarci, in tanti modi, il bene che ci volevi. Ti diciamo anche noi che ti vogliamo bene. Con S. Antonio resta al nostro fianco, ricordati di noi!”

Grest 2016: quarto giorno

Guarda la galleria fotografica

Per il quarto giorno delle Grestiadi la Ric Arena ha avuto in serbo per i nostri giovani atleti uno sport molto particolare: la scherma.

Visti i tentativi falliti dei suoi due scagnozzi di rovinare le Grestiadi, Calimero decide che ha bisogno di rivolgersi ad Accumulo: un subdolo personaggio che introduce nella mente dei giocatori la malsana idea di vincere a tutti i costi, anche barando o non rispettando le regole.

Ares è stata la pedina che Accumulo aveva individuato, ma grazie agli altri due suoi amici è riuscito a capire che l’importante è divertirsi: c’è chi vince e c’è chi perde, ma se ti diverti insieme ai tuoi amici hai già vinto la partita più importante che è la vita stessa.

La scherma è uno sport dove bisogna continuamente mettersi in gioco; se vinci non puoi fermarti sugli allori e se perdi non puoi disperarti poiché, si sa, per tirare di scherma servono movimento e agilità non solo nelle gambe, ma soprattutto nella testa e nel cuore.

La voglia di vincere a tutti i costi di Ares stava rovinando le Grestiadi perché quando l’avidità prende il sopravvento allora si perde sempre, mentre noi oggi, giocando lealmente, non solo ci siamo divertiti, ma abbiamo anche sconfitto chi vuole metterci i bastoni tra le ruote.

Si gioca per vincere, ma si vince realmente solo partecipando onestamente.

FRA PIERO: LA PROFESSIONE TEMPORANEA

Sabato 27 agosto 2016, alle ore 11.00, presso la Basilica Papale di San Francesco in Assisi, il nostro Piero Russian, per tanti anni sacrestano ed anima del Duomo di Sant’Adalberto emetterà la PROFESSIONE TEMPORANEA nell’Ordine dei Frati Minori Conventuali. La Professione temporanea è un atto con il quale i membri di un istituto religioso dopo il noviziato, assumono, con voto pubblico, l’osservanza dei tre consigli evangelici della castità, obbedienza e povertà.Con la Professione temporanea, i membri dell’istituto sono consacrati a Dio mediante il ministero della Chiesa e vengono incorporati all’istituto con i diritti ed i doveri definiti dal diritto per un periodo preciso (tre anni) ed è quindi un periodo di prova che prepara a quella perpetua e solenne.

Fra Piero ha chiesto di pregare per lui e per i suoi confratelli: oltre alla preghiera personale, fin d’ora avvisiamo che mercoledì 24 agosto nel Santuario di Rosa Mistica alle ore 20.30 vivremo una VEGLIA di PREGHIERA ricordando tutti i professi.

Grest 2016: terzo giorno

Guarda la galleria fotografica

Come anticipato ieri, oggi la Ric Arena ha lasciato spazio al parco acquatico di Grado poiché la disciplina delle Grestiadi, quest’oggi, erano i tuffi.

I nostri atleti si sono affrontati con acrobatiche esibizioni sui trampolini della piscina e gare di velocità sugli scivoli, ideando nuove tecniche di aerodinamicità da fare invidia ai professionisti.

Grest 2016: secondo giorno

Guarda la galleria fotografica

Dovete sapere che il nostro malvagio Calimero, un tempo, è stato anche lui un atleta. Purtroppo però, durante una gara di corsa campestre scivolò, cadde in una pozzanghera di catrame e non partecipò più a nessun’altra competizione. Dentro di lui crebbe un sentimento di rabbia e questo lo spinse a desiderare a tutti i costi che le Grestiadi vengano rovinate.

Nella nostra Ric Arena quest’oggi si è affrontata una delle discipline più importanti: l’Atletica, e a Calimero non è mancata l’occasione per rovinare una volta per tutte le nostre gare.

Una polverina magica infatti ha reso pigri i nostri atleti, ma fortunatamente grazie al lavoro di squadra si sono aiutati a vicenda e hanno sconfitto insieme questo duro ostacolo.

L’atletica è la base fondante di tutti gli sport, tant’è che ogni sportivo è un atleta. L’uomo da sempre ha dovuto correre, saltare e lanciare per difendersi e procurarsi il cibo.

L’atletica ti dice che bisogna sempre andare avanti… ma un grande nemico è la Pigrizia, quel dubbio che ti scivola dentro e ti suggerisce che faticare è inutile, tanto non cambia niente, e ti impedisce di entrare in campo.

La forza di un vero atleta sta nel decidere di andare avanti e superare tutti gli ostacoli, ed è quello che hanno fatto i nostri atleti: hanno accettato questa sfida e non si sono spaventati.

Processione alla chiesetta di sant' Haelena

Guarda la galleria fotografica

Processione alla chiesetta di sant' Haelena (15/8/2016)Come è ormai tradizione il 15 agosto si è tenuta la processione presso la piccola, ma accogliente chiesetta si sant'Haelena a Vencò.

La chiesetta di sant'Haelena non viene aperta spesso per le celebrazioni per cui in quest'occasione molti fedeli hanno voluto ritrovare l'occasione per visitare questo luogo così semplice e suggestivo.

Con grande ammirazione don Fausto ha guidato la processione lungo il percorso non proprio agevole.

Non finisce mai di stupirci.

Ecco le foto dell'evento.

Grest 2016: primo giorno

Guarda la galleria fotografica

Mercoledì 17 Agosto: primo giorno dell’undicesima edizione del Grest…

Anzi no, quest’anno non ci sarà il Grest ma nel nostro bellissimo centro estivo avrà luogo un evento molto più importante!

Le Olimpiadi, si sa, sono state l’evento simbolo di quest’anno in quanto hanno coinvolto atleti di tutte le nazioni del Mondo, perciò abbiamo deciso anche noi di fare la nostra parte.

E quindi, in esclusiva mondiale, solo per voi, il nostro ricreatorio sarà il palcoscenico per eccellenza di uno dei progetti sportivi più importanti di tutti: le “GRESTIADI”, ovvero le gare olimpiche per i bambini e i ragazzi più belli e più bravi del mondo che, nella Ric Arena si sfideranno nella gioia e nel rispetto delle regole.

Fra i bambini protagonisti della Ric Arena vi troviamo:

  • Ares: un nome imponente, degno di un Dio della guerra… peccato che sia fifone e odi lottare;
  • Apollo: a differenza di Ares a lui piace gareggiare, anche se è leggermente narcisista;
  • Demetra: una ragazzina “con i piedi per terra” capace di gestire le situazioni al meglio.

Nascosti tra la folla però, non potevano mancare Calimero e i suoi due scagnozzi. Infatti questi tre perfidi individui saranno un elemento fondamentale nelle nostre Grestiadi perché cercheranno in ogni modo di mettere fine a tutto il divertimento dei nostri atleti… o almeno, così sembrerebbe…

Don Fausto ricorda San Rocco nella chiesetta di Brazzano

Guarda la galleria fotografica

San Rocco nella chiesetta omonima a BrazzanoMartedì 16 agosto nella chiesetta di Brazzano dedicata a San Rocco don Fausto ha celebrato la santa Messa ricordando la figura del santo.

San Rocco non è un frate, non è un religioso, è un cristiano che non ha fatto grandi “cose”. Nell’umiltà e nel silenzio ama il Signore.

E’ nato con un segno di croce rosso sulla spalla. Di origine francese, ricco di famiglia, devoto, dopo la morte dei genitori distribuisce i suoi averi ai poveri e pellegrina verso Roma. Da li si sposta in diverse zone della penisola curando e guarendo (molte volte miracolosamente, con un semplice tocco) gli appestati fino a quando contrae lui stesso la malattia. Per non contagiare altre persone si ritira in un bosco rischiando di morire come un eremita.

La leggenda vuole che ogni giorno un cane gli portasse un tozzo di pane sottraendolo alla mensa del padrone. Un giorno, il padrone seguendo il cane scopre, nel bosco, quest’uomo ammalato: lo soccorre e lo cura. Appena san Rocco si riprende persevera nella missione di curare gli ammalati di peste.

Ricordo di Dino

Giovedì 18 agosto ricorre un mese dalla morte di Dino Simonetti: lo ricorderemo, nella preghiera, durante la S.Messa vespertina delle ore 18.30 in Rosa Mistica.
Papa Francesco, a Cracovia, ha ricordato a tutti noi cristiani che Gesù è la via e chiama ognuno di noi a lasciare la propria impronta nella storia. Gesù, che è la vita, ci invita a lasciare un’impronta che riempia di significato la nostra storia e quella di tanti altri.
Nella nostra Comunità, e non solo, Dino ha lasciato tantissime impronte che, attenzione, non hanno mai “fermato a sé” ma, anzi, hanno invitato, sempre, ad andare al Signore. Lo abbiamo ricordato in tanti modi… Marito premuroso, Padre e Nonno adorabile, Cristiano con la “C” maiuscola, servizievole, gentile, umoristico, disponibile… Ma tra tante doti, ne aveva una meravigliosa e rara: non avere paura di fare un passo indietro.
Il suo servizio, il suo preziosismo ministero, lo ha vissuto come tale: non è mai stato possessivo ma ha sempre permesso ad altri di affiancarsi e, quando era il momento giusto, di lasciare spazio, senza sparire, accettando il suo “nuovo” posto, pronto sempre a dare una mano, mai tirandosi indietro.
Questa, tra le altre, una grande lezione per tutti noi. Il suo ricordo diventi per la nostra Comunità, benedizione e ci sproni a lasciare una bella impronta!

Grest 2016: serata iniziale

Guarda la galleria fotografica

Martedì sera, 11 agosto, è iniziata ufficialmente l’undicesima edizione del Grest!
La serata, presentata da Vincenzo ed Eleonora, ha visto alternarsi di balli e sketch nonché sono le otto squadre i cui “atleti” si affronteranno negli sports delle “Grestiadi 2016”.
Alla serata hanno partecipato gli oltre 240 bambini e 80 animatori di questa edizione, testimonianza di un'iniziativa che, nel tempo, è cresciuta nei numeri ma anche nell'impegno.
Tutte le informazioni relative alle attività che i bambini effettueranno quotidianamente saranno comunicati attraverso i canali social della parrocchia (Facebook, sito internet, ecc.).
Non rimane altro che dichiarare aperto il Grest 2016!

San Rocco a Brazzano

San Rocco e san Sebastiano a BrazzanoMartedì 16 agosto, la S.Messa della sera verrà celebrata sia a Rosa Mistica sia a San Rocco a Brazzano, alle ore 18.30.

Come avevamo già ricordato, all’interno della Chiesetta brazzanese c’è una pala d'altare in cui troviamo San Rocco.

Il suo culto si diffuse straordinariamente nell'Italia del Nord, legato in particolare al suo ruolo di protettore contro la peste, le malattie del bestiame e le catastrofi naturali.

Campo acr - l'ultimo giorno -

Guarda la 
galleria fotografica

 

campo acr 2016

Anche i ragazzi dell'acr rientrano. Il campo a Tribil è finito. Una settimana di nuove esperienze tra giochi ed escursioni. Una bella esperienza per i ragazzi, ma anche per gli animatori che ringraziamo per averli seguiti ed educati, ed anche per averli sopportati. Vi proponiamo alcune foto del campo che ci sono giunte
.

Pagine

Diretta Streaming

 
 Diretta Video Live da Rosa Mistica


Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui


 RadioInsieme 1: Duomo



Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui


 RadioInsieme 2: Rosa Mistica

'

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui


 RadioInsieme 3: Centro Cattolico



Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui


Hai problemi di ascolto ?
Clicca qui.

Accesso utente

 

Calendario annuale

 

Il Vangelo della settimana

 

21-08-2016

Quanti sono gli scampati, quelli che si salvano? I giudei erano parecchio pessimisti nei confronti della salvezza eterna. Uno di loro ha scritto: "L'Altissimo ha creato questo mondo per amore di molti, ma quello futuro per pochi". Come dire: sono più quelli che si perdono di quelli che si salvano.

Gesù non entra nella discussione, ma spinge a prendere la decisione di entrare per la porta stretta che dà accesso alla sala del banchetto, il paradiso. Quanti troveranno e prenderanno posto? Bisogna affrettarsi, perché il tempo è corto e sforzarsi perché il varco è stretto.

Gesù non ha chiesto flagellazioni e digiuni esasperati, ma che per andare dietro a lui bisogna prendere la propria croce quotidiana E sono molti quelli che non ci riescono. Non ce la fanno ad essere puri, poveri, misericordiosi, portatori di pace, miti, cercatori di giustizia... Più facile restare mediocri, in luoghi larghi e comodi dove tutto è permesso, piuttosto che stretti e potati, come viti pronte a dar frutto. Questa è la sola legge della vita perché questa è la legge dell'amore.

La salvezza non è scontata per nessuno. Sentirsi dire - Dio non voglia! - non ti conosco, è il massimo della solitudine disperata, l'amarezza di non poter più amare, avendone avuto possibilità e occasione. Un tormento senza fine. Non è lui che ha chiuso la porta; siamo noi che dobbiamo entrare per quella giusta: quella stretta. C'è da crederci e da provarlo, già ora, ogni volta che si riesce a portare un po' la croce di ogni giorno. Per amore, solo per amore.

La porta è Gesù. In lui il Regno di Dio - il paradiso! - si manifesta e si compie, la sua morte e la sua risurrezione sono salvezza. La sua piaga di crocifisso risorto è la porta stretta. Certo, è difficile comprendere questa scelta esclusiva della fede cristiana rispetto alle molte vie religiose degli uomini di oggi. Eppure incancellabile tutta la struttura della fede ebraico-cristiana, per la quale nessuno si salva per vie sue, ma tutti e ciascuno siamo salvati dall'unico Signore e Salvatore, Gesù il Cristo. Lo stesso Vangelo di oggi apre alla speranza perché vede entrati non solo gli antichi profeti, ma anche folle dell'Oriente e dell'Occidente, del Nord e del Sud del mondo - tutte le direzioni della storia - le quali tutte, alla fine, si troveranno di fronte all'unico Signore della storia.

La porta è stretta non perché impossibile da varcare, ma perché è l'unica per tutte le moltitudini, anche quelle lontane o allontanate. Preziosa, allora, la virtù della sentinella che vigila e vede venire il Signore, unico Salvatore, ogni giorno. Insieme alla sua pena e alla sua speranza.

(Commento a cura di don Angelo Sceppacerca)

La preghiera della settimana

 

21-08-2016

L'averti ascoltato e applaudito,

le dimostrazioni del nostro

entusiasmo per te non contano nulla,

Gesù,

se la tua parola non ha portato in

noi un frutto abbondante di opere

buone. L’aver partecipato alla tua

tavola, l’esserci cibati del tuo Corpo,

tutto questo non costituisce

il biglietto d’ingresso nel tuo Regno

se non ci siamo lasciati trasformare

dal tuo Vangelo e lo abbiamo

mostrato con i gesti dell’amore e

della misericordia, della compassione

e della solidarietà.

Al tuo discepolo tu chiedi

qualcosa di estremamente concreto,

la prova dei fatti.

Fatti che dimostrano di aver preso

sul serio il tuo invito alla mitezza e

alla benevolenza, la tua domanda di

tenerezza e di generosità, senza

alcuna mira di ridurre gli altri

a strumenti del proprio volere,

ma mettendosi piuttosto al loro

servizio, sapendo che c’è più gioia

nel dare che nel ricevere

e che la vera grandezza consiste

nell’essere l’ultimo, non il primo.

Ma al tuo discepolo tu offri

anche la gioia impareggiabile

di essere rigenerato nel profondo,

proprio da questo passaggio

attraverso la porta stretta,

dal varco che tu hai aperto

per quanti, vicini o lontani, vogliono

seguirti.

(Roberto Laurita)

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2014

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato..
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.

 

Beati gli artefici di pace,
perché essi saranno chiamati figli di Dio. (Matteo 5,9)

Beati gli artefici di pace,perché essi saranno chiamati figli di Dio. (Matteo 5,9)

 

Gianfranco Ravasi, Cardinale

Che la gente veda nella nostra vita il Vangelo: un amore generoso e fedele a Cristo e ai fratelli.

Francesco, Papa

Professioni semplici 2016 - Assisi, Basilica s. Francesco 27 agosto http://fb.me/2vUqLJCjU 

Donpi, mons

Notizie del SIR

Cerca un Sito Cattolico

Informazioni sul sito

Informazioni e statistiche riferite al sito chiesacormons.it

I numeri del sito al (19/5/2016)

7167
Pagine pubblicate
8007
Foto pubblicate
7200
Megabytes di dati inseriti
708
Utenti registrati

La redazione

Adalberto Chimera
Articolista

Responsabile dei contatti con la stampa.

Voce Isontina front man.

Alfredo Di Carlo
Fotografo ed articolista

Valente fotografo ed articolista.

Appassionato della tecnologia e prezioso supporto tecnico.

Anastasia Di Carlo
Redattrice ed fotografa

Entusiasta redattrice e promettente fotografa.

Abbiamo lei che abbatte la media d'età del sito.

Andrea Femia
Direzione operativa

Direzione operativa della redazione.

Chiesacormons evangelist.

Francesco Marcon
Articolista, redattore

Redattore e informatico.

Fai un "fischio" ed arriva. Sempre disponibile.

Franco Femia
Articolista, redattore

Autorevole articolista.

Un giornalista vero, il pedigree della redazione.

Giorgio Abate
Fotografo ed articolista

Fotografo ed articolista.

Il nostro Jolly. Sempre sulla notizia.

Luciano Bozzini
Redattore ed informatico

Redattore ed informatico.

Giovane promessa. Sempre affidabile e disponibile.

Luciano Ventrella
Fotografo e redattore

Fotografo e redattore.

Si muove in discrezione con grande efficienza.

Lucio Iacolettig
Direzione tecnica

Direzione tecnica e riprese video.

E' quello che alza la media d'età alla redazione.

Marianna Braida
Redattrice ed articolista

Redattrice ed articolista.

Affronta le cose con un bel sorriso, lo fa in modo serio.

mons Paolo Nutarelli
Supervisore

Supervisore della redazione.

Il delicato tocco spirituale e grande motivatore del gruppo.

Partrik Bussani
Fotografo ed articolista

Fotografo ed articolista.

Tiene sempre il motore caldo per essere sulla notizia.

Roberto Tomat
Redattore

Responsabile sezione canzoniere liturgico.

Tutta l'Italia accede al materiale che pubblica.

Simone Cappello
Fotografo e redattore

Fotografo artista e redattore.

Oltre al resto, l'apporto artistico alla redazione.

Santina Odelli
Fotografa ed articolista

Valente fotografa ed articolista.

Il tocco di classe femminile alla redazione.

Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
RSS icon
e-mail icon