Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
Lunedì 18/03 alle ore 20:30 presso il Centro Pastorale "Mons. Trevisan": Gruppo della Parola --- Ogni mercoledì ore 18:30 a Brazzano Via Crucis nella Chiesa di San Rocco --- Ogni giovedì ore 18:00 Via Crucis nel Santuario di Rosa Mistica --- Ogni venerdì ore 15:00 Via Crucis nella Chiesa della Subida --- Ogni venerdì ore 18:30 Via Crucis a Borgnano a cui seguirà la S.Messa --- Venerdì 22/03 alle ore 20:30 presso la Sala Basso del Centro Pastorale "Mons. Trevisan" l'Azione Cattolica propone il primo incontro di confronto e riflessione sul magistero di Papa Francesco --- Domenica 24/03 alle ore 17:00 presso il Teatro Comunale "Verdi" Rassegna Teatrale "E se una notte un Musical" che coinvolge i Gruppi Teatrali della Diocesi di Gorizia ---
  • Le comunità
    Tutte le news da chiesacormons.it
    Gli orari delle sante messe
    La settimana insieme
    Il calendario annuale
  • In linea diretta
    Live da Rosa Mistica
    I 3 canali radio
    I podcast degli eventi principali
    I nostri video
    Gli album fotografici
  • I servizi
    Richieste alla parrocchia
    Domande frequenti
    Ufficio
    Chi siamo
  • La storia
    Le 20 chiese dell'unità pastorale
    I gruppi e le associazioni
    Briciole di storia nostra
    Cosa è successo negli anni scorsi

Galleria fotografica della settimana

Mercoledì delle Ceneri a Cormons

Guarda qui le foto della settimana passate!

Guarda qui altri album fotografici!

La Gioia dell’Amore e la Famiglia … le prospettive di un Papa

Guarda la galleria fotograficaAmoris Laetitia

Venerdì sera 22 marzo, presso la sal Basso del Centro Pastorale “Mons. Trevisan” l’Azzione Cattolica ha proposto alla Comunità il primo incontro di riflessione sul magistero di Papa Francesco.

È intervenuta la dott.ssa Annamaria Rondini che ha aiutato i presenti a rileggere il Documento Postsinodale “AMORIS LAETITIA” di Papa Francesco con cui il Santo Padre ha inteso ribadire con forza non l’«ideale» della famiglia, ma la sua realtà ricca e complessa.

Riposa in pace, caro Vescovo Dino

Guarda la galleria fotografica

Grazie Vescovo DinoGrande cordoglio ha suscitato nelle nostre Comunità la notizia della scomparsa del Vescovo emerito Dino de Antoni che, in questi ultimi mesi, abbiamo potuto abbracciare da vicino prima di essere ricoverato in ospedale e poi presso la Casa Sacerdotale di Gorizia.
Amava il Collio e, soprattutto le sue Comunità!


Con il suo sorriso e, soprattutto la sua affabilità e tanta umiltà, si è messo in ascolto delle Parrocchie e delle loro esigenze e, negli anni del suo proficuo ministero, è sempre stato vicino a tutti noi. Nei momenti delicati di Borgnano, nelle feste patronali di Cormòns e Dolegna, nel rapporto confidenziale con i parrocchiani di Brazzano ha sempre manifestato un legame forte ed affettuoso con la nostra terra: da noi, si sentiva a casa, come in una famiglia!


In un’ultima delle sue uscite pubbliche il Vescovo De Antoni ha ricordato questo legame con le Comunità Cormonesi: con grande serenità e fiducia in Dio aveva tratteggiato i suoi ultimi metri in questa vita: “quando una persona cara sta lasciando i suoi li chiama a sè per sentire abbracci, affetto e preghiere; io qui con voi mi sento a casa e vi chiedo di accompagnarmi con la l’affetto e la preghiera”.
E ancora “forse questo sarà il mio ultimo Natale insieme a voi ma dal cielo continuerò a pregare insieme a voi”. Queste parole, oggi, risuonano ancora nel cuore di tantissime persone che, il giorno di Natale, gremivano il Santuario di Rosa Mistica. Siamo certi, che da lassù, continuerà a vegliare sulle nostre Comunità.

Grazie Vescovo Dino!

Le Esequie si terranno lunedì 25 alle ore 15.30 presso la chiesa del Sacro Cuore a Gorizia. La Veglia di preghiera in Cattedrale sabato 23 ore 20,30. A Cormons, In San Leopoldo sabato sera ore 18.00 verrà pregato il Santo Rosario.

E se una notte un musical

"Il teatro continua ad esistere, e non soltanto come abitudine, come modo d'impiego del tempo libero, ma come esigenza profonda ed ineliminabile della vita sociale" (L.Lucignani, regista e sceneggiatore italiano).

Verrà vissuta, domenica prossima 24 marzo, alle ore 17.00 presso il Teatro Comunale “Verdi” di Gorizia, la Rassegna Teatrale “E se una notte un Musical”, che coinvolge, in un’unica serata, i Gruppi Teatrali della Diocesi di Gorizia. La rassegna vuole - nel suo piccolo - ribadire il ruolo del teatro come esperienza educativa, sociale, di aggregazione e di crescita per tanti bambini, ragazzi ed adulti delle nostre Comunità. A tutto questo, si aggiunge ora un nuovo stimolo: il confronto. L'obiettivo della Rassegna è proprio la messa in comune di esperienze diverse e quindi portatrici della propria unicità all'interno di un palinsesto capace di racchiudere quanto di meglio la realtà della Diocesi di Gorizia possa offrire.

Alla scoperta dei luoghi della Grande Guerra

Oltre cent’anni sono passati dalla fine del primo conflitto mondiale e sabato 23 marzo visiteremo a Borgnano alcune linee difensive poco conosciute e poco valorizzate: due bunker e l’osservatorio del Re. Riguardo a quest’ultimo in molti conoscono l’osservatorio situato vicino all’Ara Pacis, dal quale il Re Vittorio Emanuele III controllava il conflitto sul Carso, mentre in pochi sanno che esiste un secondo osservatorio, situato ad un centinaio di metri dalla chiesetta di Santa Fosca, utilizzato dal Re per osservare la zona nord-est.

Infine visiteremo la grotta che, durante la prima guerra mondiale, era utilizzata come ricovero di animali mentre, durante la seconda guerra mondiale,come rifugio antiaereo.

Saremo accompagnati da uno storico che ci illustrerà l’importanza del colle fin dai tempi dei romani, in quanto sfruttato per l’estrazione della pietra, e ci parlerà delle linee difensive della prima guerra mondiale.

Durante la passeggiata sarà presente anche un naturalista che ci mostrerà la flora del colle che in questo periodo si prepara a sbocciare.

Saremo accompagnati infine dai nostri amici speleologi del gruppo “Centro ricerche carsiche C. Seppenhofer” di Gorizia che da anni collaborano con la locale e vivace associazione “Chei Dal Poz-Borgnano”.

Per questa breve e interessante passeggiata vi diamo appuntamento sabato 23 marzo a Borgnano in piazza della Repubblica alle ore 14.30

Festività di San Giuseppe a Pradis

Guarda la<br />
galleria fotografica

San Giuseppe

Il 19 marzo è una data da segnarsi sul calendario. Si festeggia infatti la festa di San Giuseppe, nota anche come la festa del papà. La festa prende origine, come si evince dal nome, da Giuseppe,una figura molto importante della chiesa cattolica. Nato dalla stirpe di Davide, il falegname Giuseppe fù lo sposo di Maria ed i padre di Gesù, accettando il miracolo del concepimento divino. Dedicò la sua esistenza al lavoro ed alla famiglia, proteggendola da ogni pericolo e portandola fino in Egitto per sfuggire alle persecuzioni di Erode. Col tempo, questa figura è diventata simbolo di laboriosità e paternità al servizio della famiglia. Stamane, a ricordo è stata celebrata la Santa Messa all’aperto in località Pradis, dove sorge l’icona della Madonna delle Vigne.

Festa di San Giuseppe

Martedì 19 marzo, la liturgia ci propone un gigante di ineguagliata ed insuperabile Fede: San Giuseppe, padre di Gesù. Uomo semplice e di poche parole che nei Vangeli non parla mai, Giuseppe ha voluto piegare la sua vita ai progetti di Dio. Senza recriminare, senza lamentarsi, senza fuggire, Giuseppe ha fatto della realtà il suo metro di giudizio.

Quanta Fede ci vuole nel prendere fra le proprie braccia muscolose il proprio bambino che impara a camminare e credere che si tiene fra le braccia la presenza stessa di Dio? Quanta Fede nell'insegnargli le preghiere del pio israelita prima di coricarsi! Quanta Fede nel muovere un rimprovero all'adolescente Gesù! Giuseppe ci mostra che è possibile santificarsi senza fare cose grandi, senza grandi scoperte o miracoli eclatanti, ma prendendo a bottega Dio ed insegnandogli a seguire la vena del legno con la pialla. Giuseppe insegni, a tutti noi, a vivere la vita che abbiamo come opportunità di scrutare l’infinito nella storia.

Nella mattinata del 19 marzo, in località Pradis (a Cormòns), le famiglie del “borgo”, come tradizione, si troveranno per la Celebrazione Eucaristica alle ore 10.30, presso l’Icona della Madonna dei Vigneti, a cui seguirà un momento di agape fraterna.
A Dolegna, invece, il Santo Patrono verrà ricordato domenica prossima 24 marzo durante la S.Messa delle ore 10.00 alla quale, in modo particolare, sono stati invitati tutti i papà!

Prepariamo insieme la Via Crucis cittadina

Venerdì 12 aprile 2019, alle ore 20.30 a Cormòns, verrà vissuta la Via Crucis cittadina che quest’anno, si snoderà dal parcheggio del Polo  Scolastico per proseguire per Via Nievo, Via Gorizia (Parco della Pace), Viale Roma, Via Officine, Viale Friuli e concludersi nei Giardini in Piazza Libertà. Per PREPARARE INSIEME questo importante EVENTO sarebbe bello ed opportuno incontrarci GIOVEDÌ 14 MARZO 2019 alle ore 20.30 in Ric (entrata da p.le Sfiligoi - parcheggio): l’incontro è aperto a tutti, specialmente a coloro che abitano lungo il percorso della Via Crucis!! Facciamo Passaparola... più siamo, più bello è!!!

Festa dei Giovani & Festa dei Ragazzi

Eventi Jesolo 2019Domenica scorsa, a Jesolo, più di 8000 giovani, tra cui diversi delle nostre Comunità, si sono ritrovati insieme per vivere un grande appuntamento: la Festa dei Giovani 2019.

Domenica prossima, invece, saranno i ragazzi delle Scuole Medie a vivere questa coinvolgente esperienza (Festa dei Ragazzi 2019).

Nell’edizione di quest’anno, il tema della missione sarà centrale e, più precisamente, punterà sull'interrogarsi sulla realtà che ci circonda e su come cogliere in essa tutta la Bellezza del Mistero, che ci chiama ad uscire ed a vivere per gli altri.

Come da tradizione, il filo conduttore degli eventi di Jesolo sarà un testimone, una figura che aiuterà giovani e ragazzi con la sua storia a capirne di più e che li provocherà: Marco Gallo, un ragazzo pieno di vita, di domande, di desiderio di felicità.

Aveva uno sguardo attento che puntava verso l'Alto, uno sguardo curioso e profondo.

OGNI GIORNO SCEGLI TU DOVE GUARDARE: ecco, infatti, la frase di Marco che è stata scelta per gli Eventi Jesolo 2019.

Liturgia di inizio Quaresima ed imposizione delle ceneri per i bambini ed i ragazzi

Guarda la galleria fotografica

Mercoledì 6 marzo 2019, nel pomeriggio, in orario più consono a bambini ed alle famiglie si è svolta la tradizionale liturgia di inizio Quaresima. I bambini ed i ragazzi assieme ad i loro genitori hanno voluto partecipare alla celebrazione per ricevere l’imposizione delle ceneri quale segno penitenziale ed introdursi al lungo cammino che porterà alla Pasqua di Resurrezione di Gesù nostro Signore. I quaranta giorni (più sei domeniche) che ci separano dalla festa liturgica più importante per noi Cristiani rappresentano un momento di grazia da far fruttare per ritornare ad un rapporto più intimo con Dio nella ricerca di quell’Amore che solo Lui può dare. I mezzi a nostra disposizione per avvicinarsi a Lui sono il digiuno, la preghiera e la carità.
Buona Santa Quaresima a tutti.

Mercoledì delle Ceneri

Guarda la galleria fotografica

Mercoledì delle CeneriCon il suggestivo rito dell'imposizione delle ceneri è iniziato, con tutta la Chiesa, il cammino della Quaresima che ci porterà, nella notte di Pasqua, a festeggiare il Cristo risorto.
Le ceneri derivano dall’accensione dei rami secchi dell’ulivo: rametti morti da tempo perché tagliati dalla pianta madre e non più nutriti si sono trasformati in cenere che, a sua volta, e nutrimento per altre piante e consente di far rinascere una nuova vita.
Per questo il sacerdote con il gesto dell’imposizione delle ceneri e la recita della frase “Convertitevi e credete al Vangelo” (Mc 1,15) evidenzia, oltre a quello penitenziale, l’aspetto positivo della Quaresima che è tempo di conversione, preghiera, rinascita a nuova vita e ritorno a Dio.

Gruppo missionario cormonese: dalla parte degli ultimi

Il Gruppo Missionario parrocchiale ha l’obiettivo, nell’ambito di una Chiesa universale, di aiutare chi è nella povertà e chi opera nelle missioni. DaMercatino Missionario 2018 anni il Gruppo è in collegamento con operatori come le Suore della Provvidenza, presenti in diverse missioni nel mondo o la missionaria diocesana Ivana Cossar. L’attività si concretizza con iniziative come il Mercatino natalizio o la lotteria che permettono di ricavare dei fondi da inviare ai missionari. Recentemente sono stati destinati 3 mila euro per progetti nel Burkina Faso, 2.500 in Togo; altri 500 euro sono stati consegnati al gesuita cormonese padre Mario Picech che opera in Messico e a suor Bernarda Cucit, pure di origini cormonesi, da anni impegnata nelle missioni in Africa.

Che festa con l’ACR

Guarda la galleria fotografica

Carnevale in convento

Sabato scorso i bambini e ragazzi dell’Azione Cattolica dei Ragazzi, vestiti in maschera, hanno fatto “irruzione” in Convento delle Suore della provvidenza ed hanno portato allegria e festa. Le suore entusiaste hanno ricoperto di applausi e frittelle le bellissime maschere.

Inizio solenne della Quaresima

Il tempo della Quaresima rappresenta un’opportunità per i cristiani per riflettere sul senso e la serietà della loro vita alla luce della Parola e della Passione/Risurrezione di Gesù. Per questo è anche tempo di conversione, di passaggio dalla superficialità di una esistenza centrata sulla ricerca del piacere del momento ad uno stile di vita sobrio e dedito alla ricerca dell’essenziale.

Questo cambiamento di orientamento è possibile se si prende sul serio la Parola di Dio, la quale non ci toglie difficoltà e sofferenze ma ci aiuta ad aprirci alla fiducia ed alla speranza. Affidarsi a Dio può dare speranza anche nei momenti più oscuri. Ciò che veramente vale nella vita è, in particolare, la carità, che impedisce il ripiegamento su noi stessi e rende capaci di costruire in noi una umanità accogliente e riconciliata. 

Ecco, allora, che la Quaresima può risultare veramente un tempo opportuno, un’occasione propizia per lasciarci riconciliare con Dio. Chiediamo al Signore di poter vivere un serio cammino di conversione, non preoccupato dei dettagli, ma fondato sull’essenziale. Ciò che dobbiamo cercare non è l’ammirazione degli altri ma la gioia di Dio che si rallegra nei cieli per un peccatore che si converte.

Inizieremo questo cammino con il gesto delle imposizioni delle ceneri: dopo aver ascoltato la Parola di Dio, riceveremo l’austero segno delle ceneri che ci ricorda la nostra condizione di pellegrini. Veniamo dalla terra ed alla terra ritorniamo e questo breve tempo, che ci è dato da vivere, deve essere impiegato nel migliore dei modi, per una profonda conversione e per una radicale adesione di Fede e di vita al Vangelo.

Portare la Comunione agli ammalati ed anziani

Portare la Comunione agli anziani ed ammalatiLa condizione della malattia e/o dell’anzianità, come tutte le condizioni di fragilità, ci fa incontrare, in modo più profondo, con le domande importanti della vita, sia chi è ammalato/anziano, sia le persone che sono vicine. Chi è ammalato/anziano ha molte esigenze e molti bisogni, alcuni dei quali non è in grado di soddisfare da solo. Fra le varie necessità ci sono anche quelle di natura spirituale. Chi ha un malato/anziano in casa, anche se personalmente non condivide la Fede della persona assistita, è invitato a rendere esplicite le domande che magari non si vogliono fare per non essere di peso: vuoi che ci organizziamo per andare a S.Messa la domenica? Vuoi che qualche volta preghiamo insieme, visto che adesso non riesci più ad essere concentrato come un tempo? Vuoi che chiamiamo il sacerdote affinché venga per vivere la Riconciliazione? Vuoi che chiediamo che venga portata l’Eucarestia a casa?

Nella Collaborazione Pastorale, oltre ai Sacerdoti, il Vescovo ha istituito i Ministri straordinari dell’Eucarestia che sono disponibili a portare la Comunione nelle case. Si contatti il sacerdote alla S.Messa oppure ci si può rivolgere all’Ufficio Parrocchiale (0481-60130).

Accordo di 16 comuni per valorizzare il fiume Judrio

Un altro passo in avanti è stato compiuto per valorizzare lo Judrio, questo fiume carico di storia e di bellezze paesaggistiche ma anche per troppi anni fiume Judriodimenticato. I 16 comuni rivieraschi del suo bacino, che appartengono alle province di Udine e Gorizia, hanno siglato un patto per dare il via al progetto che porterà, con un iter che bene precisare non sarà breve, alla stipula del Contratto di fiume. Ciò significa che tutti i Comuni, da Drenchia a Romans cioè dalla sorgente alla foce, dovranno condividere e armonizzare gli interventi a tutela e alla conservazione del fiume.
Questo patto è stato siglato in un incontro svoltosi a Palazzo Locatelli, a Cormons, che è il Comune capofila, presenti l’assessore regionale all’Ambiente Fabio Scoccimarro, il vice presidente del Consorzio di bonifica della pianura isontina Fabio Coser, gli amministratori dei Comuni rivieraschi e rappresentanti dell’Associazione Judrio che da alcuni anni si batte per la tutela e la valorizzazione del fiume. La Regione, che già con la precedente Giunta si era impegnata per la salvaguardia dello Judrio investendo anche dei soldi, ha confermato il suo appoggio, L’assessore Scoccimarro ha sottolineato come tutte le amministrazioni comunali sono portatrici di interessi e quindi c’è la volontà di mettere in sicurezza il fiume e le popolazioni che vi vivono e valorizzarlo sotto il profilo ambientale, turistico e storico.

Tesseramento al " Ric di Cormons"

Come già avvisato precedentemente, presso l’Ufficio Parrocchiale, possibilmente nei pomeriggi, si può rinnovare, o dare per la prima volta, la propria adesione a Ric Cormòns. Infatti, associarsi al Ric Cormons è sentirsi parte di un progetto che abbraccia il nostro territorio (la Collaborazione Pastorale di Cormòns con le Parrocchie di Sant’ Adalberto, Santa Fosca, San Giuseppe e San Giorgio) dove bambini, ragazzi, giovani, adulti e famiglie sono i protagonisti di questo crescere insieme. Ci piace ricordare che il
Ric Cormòns, iscritto nel Registro regionale delle Associazioni di promozione sociale di cui all’articolo 20 della legge regionale n.23/2012, al numero 505 e nel Registro nazionale delle Associazioni di Promozione sociale, tenuto presso il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali con decreto direttoriale N° 131/II/2012 del 1 agosto 2012, ha potuto sostenere e sviluppare importanti attività e progetti: i campi estivi, il Grest a Cormòns ed Oratoriamo a Mernico, il progetto “ AIU TOCOMPI TI” per i bambini della scuola primaria ed i ragazzi della scuola secondaria di primo grado, il gruppo teatrale dei “Rompiscena” e quello dei più piccoli “i Rompini” e numerosi appuntamenti culturali e ricreativi (vedi ad esempio le conferenze, i tornei sportivi, il corso di chitarra, il corso di fotografia). “FARE LA TESSERA DEL RIC” è condividere un progetto ed un sogno: fare del Ric un luogo di aggregazione ed un luogo di educazione. Infatti il Circolo accoglie, associa, “tessera” tutti coloro (bambini e bambine, adolescenti e giovani, adulti uomini e donne, famiglie) che si riconoscono nei valori, di aggregazione e servizio, proposti dalla Parrocchia e dal Ricreatorio stesso.

Santa Messa in suffragio per i benefattori

Sabato 23 febbraio 2019 alle ore 18.30 nella Chiesa di San Leopoldo, sarà celebrata una Santa Messa in suffragio di coloro che sono nella luce di Dio, i quali hanno avuto modo di fare del bene, per le nostre Opere Parrocchiali: i nostri benefattori. Grazie alla generosità di tante persone, la Parrocchia di Cormòns ha potuto, negli anni, realizzare o restaurare tanti beni che sono ad uso di tutta la Comunità (il Duomo, il Centro Pastorale, la Cjase del Plevan - sale attigue al Duomo): il Signore conceda ai nostri fratelli defunti il premio per il bene fatto e, soprattutto, di godere per sempre della pienezza della Sua luce e della Sua pace.

In 700 ogni anno percorrono il Cammino Celeste.

Ogni anno tra le 600 e le 700 persone percorrono il Cammino celeste, l’itinerario che in dieci tappe che con partenza dalla basilica di Aquileia,Presentazione Cammino Celeste ma qualcuno anche dall’isola di Barbana, per raggiungere il santuario di Monte Lussari. Dati che sono stati forniti dai promotori del Cammino celeste, che è stato presentato nella sala civica del municipio di Cormons. “il nostro obiettivo è di arrivare in tre anni a 2500-3000 camminatori” – ha affermato Aurelio Pantanali, presidente del Circolo culturale Navarca di Aiello del Friuli che, con l’associazione Iter Aquileiensis, cura l’organizzazione del Cammino celeste.
Il percorso è stato ideato, primo nel Friuli Venezia Giulia, nel 2006 e si è fatto ben presto conoscere tra gli appassionati di questi cammini, che giungono da varie parti d’Italia e dell’Europa e fuori Europa. Il sito di Cammino celeste è visitato mediamente da 100 persone al giorno e questo conferma l’interesse per questo turismo lento, fatto solo di passi, che unisce l’aspetto religioso e di fede a quello naturalistico perché offre diversi paesaggi: si va infatti dalla laguna alle colline e poi fino all’alta montagna. “Si cammina per spiritualità – ha detto in un breve intervento Andrea Bellavite -, per un senso profondo della propria fede, ma anche per conoscere meglio se stessi”.

Nomina nuovi decani

Con il decreto del 12 febbraio scorso, l’Arcivescovo, facendo riferimento al can 555 § 1-2-3 del C.D.C., ha nominato i nuovi Decani:

  • Decanato di Gorizia: don Fulvio Marcioni;
  • Decanato di Cormòns-Gradisca: mons. Paolo Nutarelli;
  • Decanato di Monfalcone-Ronchi-Duino: don Paolo Zuttion;
  • Decanato di Aquileia-Cervignano-Visco: don Franco Gismano;
  • Decanato di Sant’Andrea: don Marijan Markežič.

Come più volte ha ricordato l’Arcivescovo, compito del Decano è, anzitutto, essere un “uomo di comunione”, un uomo cioè capace di relazionarsi con tutti, suscitando, accogliendo ed esaltando l’impegno di ciascuno e, insieme, orientandolo all’utilità comune; capace, inoltre, di progettare, sostenere, valorizzare e coordinare un vero e proprio “lavorare insieme”, realizzato nel segno della comunione-collaborazione- corresponsabilità. Il Decano, infatti, viene scelto ed incaricato per promuovere la pastorale d’insieme nel proprio Decanato. Questa è la sua funzione specifica. Una funzione da intendersi non certo in senso meramente esteriore o burocratico ma in senso propriamente ecclesiale e, quindi, con tutta quella ricchezza di significati pastorali e spirituali di cui è segnato l’agire della Chiesa.

Pagine

Diretta Streaming

 

 

 RadioInsieme 1: Duomo

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 2: Rosa Mistica

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 3: Centro Cattolico

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 4: san Leopoldo

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

Hai problemi di ascolto ?
Clicca qui.

Accesso utente

 

Calendario annuale

 

Il Vangelo della settimana

 

17-03-2019

La Quaresima è per noi una sorta di deserto che Dio ci chiede di attraversare. Non è un viaggio comodo né piacevole. Potremmo domandarci se questo itinerario, come l’itinerario della vita di ciascuno, è solo una valle di lacrime, dove siamo tentati ed oppressi dal male, o se è un cammino di speranza. Dio ci chiede di avere fiducia nella sua promessa, anche se non ci dà prove matematiche per esserne certi. La vita, accanto alle sue miserie, è il luogo della manifestazione della bontà, della misericordia, dello splendore, dell’amore di Dio. Dobbiamo fidarci e credergli sulla Parola. Sul Monte Tabor, Dio, in Gesù, mostra il futuro di gloria che seguirà la tragica ora della croce: dopo il Venerdì santo, il Cristo crocifisso sarà avvolto dalla luce della vita: sarà il culmine di tutta la legge – rappresentata sul Tabor da Mosè – e di tutti i profeti – rappresentati sul Tabor da Elia. È il momento in cui Dio irrompe nella storia come Signore, ma nascosto nell’umiltà. I due grandi amici di Dio dell’Antico Testamento, Mosè ed Elia, in compagnia di Gesù, sono il simbolo di un’umanità rifatta dalla novità di un’amicizia e di un dialogo con Dio, che ha infuso nella carne umana la sua stessa vita che vince la morte (non dimentichiamo che al momento della trasfigurazione di Gesù, Mosè ed Elia erano morti da secoli). La trasfigurazione è icona del mondo nuovo, il mondo dei risorti, coloro che hanno vissuto esistenzialmente l’esodo e, seguendo Cristo luce, in Lui divengono sale e luce. La trasfigurazione del Signore dice ad apostoli titubanti, quali potevano essere i tre sulla montagna o quali possiamo essere noi: non fermatevi alle apparenze, imparate a vedere, oltre gli scacchi della vita, un disegno di Dio che nessuna potenza umana potrà mai arrestare. Ci potranno essere intoppi, ritardi causati dalla libertà di scelta dell’uomo, ma l’edificio continua a crescere, perché Dio è il costruttore

La preghiera della settimana

 

17-03-2019

«L’appuntamento sul monte
è chiaramente un anticipo
della gloria della risurrezione.
Gesù, porti con te i tre apostoli
perché sai quanto sarà terribile
la prova a cui verranno sottoposti.
Come potranno riconoscere
nel tuo volto sfigurato
il Messia, il Figlio di Dio?
Come potranno continuare ad avere
fiducia in Te,
dopo che ti avranno visto
giudicato, condannato, messo a tacere,
nel modo più ignominioso e doloroso?
Come riusciranno ad affrontare
i giorni in cui sarai loro tolto
e penseranno di averti perduto
per sempre?
Il tuo esodo è ormai imminente
ed è il tunnel oscuro,
il passaggio doloroso
dall’annientamento della morte
alla gloria del Signore risorto.
La luce che hanno visto
brillare sul tuo volto
resisterà alle spesse tenebre
che scenderanno nel loro cuore?
La voce del Padre tuo
che invita ad ascoltarti
perché tu sei il Figlio, l’eletto,
continuerà a guidarli
anche quando verrà coperta
dalle grida di chi ti insulta,
di chi chiede a gran voce il tuo castigo.

 

(Roberto Laurita)

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2018

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Dana Sport articoli sportivi
  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato..
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.

Informazioni sul sito

Informazioni e statistiche riferite al sito chiesacormons.it

I numeri del sito al (19/5/2016)

7167
Pagine pubblicate
8007
Foto pubblicate
7200
Megabytes di dati inseriti
708
Utenti registrati

La redazione

Adalberto Chimera
Articolista

Responsabile dei contatti con la stampa.

Voce Isontina front man.

Alfredo Di Carlo
Fotografo ed articolista

Valente fotografo ed articolista.

Appassionato della tecnologia e prezioso supporto tecnico.

Anastasia Di Carlo
Redattrice ed fotografa

Entusiasta redattrice e promettente fotografa.

Abbiamo lei che abbatte la media d'età del sito.

Francesca Bortolotto
Redattrice ed articolista

Redattrice ed articolista.

Affronta le cose con un bel sorriso, lo fa in modo serio.

Andrea Femia
Direzione operativa

Direzione operativa della redazione.

Chiesacormons evangelist.

Francesco Marcon
Articolista, redattore

Redattore e informatico.

Fai un "fischio" ed arriva. Sempre disponibile.

Franco Femia
Articolista, redattore

Autorevole articolista.

Un giornalista vero, il pedigree della redazione.

Giorgio Abate
Fotografo ed articolista

Fotografo ed articolista.

Il nostro Jolly. Sempre sulla notizia.

Luciano Bozzini
Redattore ed informatico

Redattore ed informatico.

Giovane promessa. Sempre affidabile e disponibile.

Luciano Ventrella
Fotografo e redattore

Fotografo e redattore.

Si muove in discrezione con grande efficienza.

Lucio Iacolettig
Direzione tecnica

Direzione tecnica e riprese video.

E' quello che alza la media d'età alla redazione.

mons Paolo Nutarelli
Supervisore

Supervisore della redazione.

Il delicato tocco spirituale e grande motivatore del gruppo.

Partrik Bussani
Fotografo ed articolista

Fotografo ed articolista.

Tiene sempre il motore caldo per essere sulla notizia.

Roberto Tomat
Redattore

Responsabile sezione canzoniere liturgico.

Tutta l'Italia accede al materiale che pubblica.

Santina Odelli
Fotografa ed articolista

Valente fotografa ed articolista.

Il tocco di classe femminile alla redazione.

Simone Cappello
Fotografo e redattore

Fotografo artista e redattore.

Oltre al resto, l'apporto artistico alla redazione.

Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
RSS icon
e-mail icon