Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
Mercoledì 22/03 partenza del Pellegrinaggio a Fatima, Portogallo e Santiago di Compostela --- Lunedì 03/04 ore 20:30 presso la Sala del Centro Pastorale "Mons. Trevisan" Assemblea Annuale dei Soci del Ric Cormòns --- Venerdì 07/04 alle ore 20:30 in Cormòns verrà vissuta la Via Crucis cittadina ---
  • Le comunità
    Tutte le news da chiesacormons.it
    Gli orari delle sante messe
    La settimana insieme
    Il calendario annuale
  • In linea diretta
    Live da Rosa Mistica
    I 3 canali radio
    I podcast degli eventi principali
    I nostri video
    Gli album fotografici
  • I servizi
    Richieste alla parrocchia
    Domande frequenti
    Ufficio
    Chi siamo
  • La storia
    Le 20 chiese dell'unità pastorale
    I gruppi e le associazioni
    Briciole di storia nostra
    Cosa è successo negli anni scorsi

La galleria fotografica della settimana

La luce di Pasqua

Guarda qui le foto della settimana passate!

Guarda qui altri album fotografici!

Pellegrinaggio a Fatima, Portogallo e Santiago di Compostela - Giorno 1

Pellegrinaggio in Portogallo

Guarda la galleria fotografica

Giunti in Portogallo, il gruppo dei pellegrini ha incontra Lisa la guida che per tutto il viaggio rimarrà a disposizione del Pellegrinaggio. Prima tappa: Lisbona. Nel pomeriggio un primo contatto con la città. In particolare la Chiesa di Sant'Antonio di Lisbona ("perché lui è portoghese e non di Padova"). Un momento di preghiera e poi la visita alla Cattedrale di Lisbona. Il Portogallo si presenta bello ed ospitale. 

Chei dal Poz presentano: "Alla scoperta delle grotte di Borgnano"

Guarda la galleria fotografica

Alla scoperta delle grotte di Borgnano

Sabato 11 marzo si è svolta a Borgnano una passeggiata alla scoperta dei sentieri che partono dal piccolo borgo rurale e raggiungono il colle con le sue grotte e con la sua ricca flora.

Lo scopo dell'iniziativa promossa dalla locale e vivace associazione Chei Dal Poz era di trascorrere unagiornata all'aria aperta per conoscere e valorizzare il territorionascosto di Borgnano.

La passeggiataprevedeva infatti una facile escursione lungo alcuni sentieri della collina, toccando luoghi significativi quali:l'antico pozzo nella piazza del paese, da dove la comitiva è partita, la bella chiesetta di Santa Fosca sul colle, alcune trincee della prima guerra mondiale (tra cuil'osservatorio del re) e le cavità naturali.

Dopo aver raggiunto il piazzale della chiesetta il gruppo ha proseguito il cammino verso la grande dolina dove recentemente si è riaperta la cavità del Pozzetto di Borgnano e in cui negli anni ottanta vennero alla luce alcuni resti dell'orso Speleaus.

Si è proseguito poi lambendo la zona dei tassi (una piccolo avvallamento dove ci sono decine di tane di tasso) e concludendo la camminata nella grotta più grande dove tutti hanno potuto entrare, visitare e scoprire la bella cavità.

Alla scoperta delle grotte e della flora del Colle di Medea

Ci sono angoli, scorci del nostro territorio, che si conoscono poco se proprio non sono del tutto sconosciuti. Eppure basta poco, bisogna vincere un po’ la pigrizia, ritagliarsi un po’ di tempo e spazio, anche stimolati con Colle di Medeaproposte. E questo che ha fatto l’associazione Chei dal poz di Borgnano che. con la collaborazione di Maurizio Tavagnutti del Centro risorse carsiche “Seppenhofer” e del naturalista Michele Tofful. ha proposto un pomeriggio sui sentieri del colle di Medea, alla scoperta di grotte, anfratti e doline ma anche della ricca flora. Una proposta che ha trovato un centinaio di aderenti che hanno scarpinato per quasi due ore in mezzo alla natura in un pomeriggio dal sapore primaverile. Una primavera che già si affaccia nel bosco con i colorati crochi, campane bianche e violette, ciuffi di gialle primule tra le erbe ancora secche e la distesa di viole che profumano il prato dinanzi Santa Fosca. Un cielo limpidissimo e sullo sfondo le Giulie con le cime ancora innevate. L’Ara Pacis non si vede ma è a pochi passi, frecce di legno ne indicano il percorso fin dal colle di Santa Fosca. Un sentiero che si inerpica nel bosco ceduo tra le pietre calcaree che affiorano dalla terra bucherellate dalla pioggia che lentamente le disfa tra rotondi e profondi buchi scavati dai tassi. E terra di pozzi e grotte come in qualsiasi zona carsica. Grotte profonde ma chiuse ai visitatori, altre aperte, antri angusti che si aprono come ferite in mezzo alle rocce, che calamitano la curiosità di scoprire cose nuove avvinti anche dalle popolari leggende che le circondano.

Come è nata la Festa di San Giuseppe a Pradis?

Festa di San Giuseppe a PradisNon poteva mancare tra i vigneti del Collio un’ancona dedicata alla Madonna. Si trova a Pradis, lungo la strada di “Cros altis”, ed è intitolata alla Madonna Regina dei vigneti. Un capitello antico. che è stato restaurato dalla gente del posto e da oltre venti anni è luogo di incontro, nel giorno di San Giuseppe, delle genti che giungono dalle località vicine. Si celebra la messa e poi si fa festa quale momento augurale di una primavera che è alle porte.

Rosa Mistica: Oasi di Riconciliazione

Ogni mercoledì di Quaresima, il Santuario di Rosa Mistica rimane aperto dalle 19.00 alle 21.00 per permettere una preghiera personale prolungata, davanti all’Eucarestia, che inizia alle 19.00 con la preghiera dei Vespri. L'adorazione eucaristica è ascolto; non è un mettersi dinanzi al Signore, parlare a Lui ed incominciare a dire, a chiedere. Fare adorazione non è soltanto parlare a Gesù: la prima cosa da fare è ascoltare, perché Colui che sta dinanzi a noi non è l'oggetto passivo della nostra contemplazione, della nostra adorazione. In questo momento il nostro atteggiamento non deve essere il fare, ma l’ascoltare. Durante l’Adorazione, dalle ore 20.10, la preghiera sarà comunitaria: verrà meditato il Vangelo della Domenica successiva.

Pellegrinaggio a Fatima, Portogallo e Santiago di Compostela

Pellegrinaggio a Fatima, Portogallo e Santiago di CompostelaVogliamo ricordare il Pellegrinaggio che, come Collaborazione Pastorale, verrà vissuto da mercoledì 22 a lunedì 27 marzo 2017, in occasione del centenario delle Apparizioni della Beata Vergine Maria alla Cova da Iria, a Fatima, Portogallo e Santiago di Compostela: dal 13 maggio al 13 ottobre1917, infatti, Maria apparve a Lucia dos Santos ed i suoi cuginetti Francesco e Giacinta Marto, i tre pastorelli che allora avevano rispettivamente dieci, nove e sette anni.

Celebrazione Eucaristica a Pradis presso la Madonna dei Vigneti

Guarda la galleria fotografica

Domenica mattina, 19 marzo, in località Pradis, come accade da più di venti anni, le famiglie del borgo hanno partecipato alla tradizionale S.Messa presso l’Icona della Madonna dei Vigneti per la festa di San Giuseppe.

Una tradizione, nata appunto più di venti anni fa, dall’idea di due persone, Mons. Giuseppe Trevisan e Egidio Picech, e che coincide sostanzialmente con l’inizio dei lavori in campagna.

La Celebrazione Eucaristica è stata accompagnata dalla “Corale di Sant’Adalberto”.

Al termine è seguito un momento di agape fraterna.

San Giuseppe a Dolegna

Guarda la 
galleria fotografica

 

san giuseppe a dolegna

Solennità di san Giuseppe, sposo della beata Vergine Maria: uomo giusto, nato dalla stirpe di Davide, fece da padre al Figlio di Dio Gesù Cristo, che volle essere chiamato figlio di Giuseppe ed essergli sottomesso come un figlio al padre.

Domenica mattina la comunità di Dolegna ha ricordato la figura di San Giuseppe durante la santa messa mattutina tenuta da don Fausto. Un augurio è stato rivolto a tutti i papà. Siamo tutti come san Giuseppe, chiamati a svolgere il nostro ruolo di padre educatore dei nostri figli che domani saranno a loro volta padre dei loro figli.

Giuseppe è un uomo che porta sulle sue spalle promesse di “discendenza, di eredità, di paternità, di filiazione, di stabilità.

E quest’uomo, questo sognatore è capace di accettare questo compito, questo compito gravoso e che ha tanto da dirci a noi in questo tempo. E così questo uomo prende la promessa di Dio e la porta avanti in silenzio con fortezza, la porta avanti perché quello che Dio vuole sia compiuto.

Via Crucis Decanale

Guarda la galleria fotografica

Venerdì 17 marzo le Comunità Parrocchiali del nostro Decanale, guidati dall’Arcivescovo Carlo, hanno vissuto la Via Crucis con partenza dal piazzale la Chiesa di San Martino di San Martino del Carso.

La processione si è snodata lungo la via asfaltata che porta al Monte San Michele e ogni parrocchia ha gestito, con riflessioni, le stazioni della Via Crucis.

19 Marzo: Ricordiamo San Giuseppe

San GiuseppeCome più volte abbiamo ricordato, l’iconografia ci presenta San Giuseppe come un uomo “saggio” per cui “anziano”, mentre sappiamo che quando Dio entrò nella sua vita era un giovane con molta probabilità neanche diciottenne. Era nel pieno della vitalità, sicuramente dal cuore generoso e ricco di Fede, indubbiamente innamorato di Maria. Spesso messo “in ombra”, Giuseppe diventa simbolo dell’uomo che si lascia fare da Dio, che usa la propria testa (il ragionamento) per fare la scelta giusta. La vita di San Giuseppe è stata veramente travolta dalle iniziative di Dio, iniziative misteriose, iniziative “al di là delle possibilità di capire”. Egli si è lasciato condurre perché era giusto e "giusto" è l'uomo che vive di Fede. Dove lo porta il Signore? Non lo sa, Dio non glielo dice... Ha sempre detto di sì con la vita, non con le parole.
Quest’anno la ricorrenza cade di Domenica, nel tempo Quaresimale, per cui verranno celebrate le S.Messe proprie del cammino quaresimale: la terza tappa.
A Dolegna, la Parrocchia tutta sarà chiamata a riflettere sull’attualità della figura di San Giuseppe, suo Patrono durante la S. Messa delle ore 10.00 nella Chiesa di Dolegna.
In mattinata, in località Pradis (a Cormòns), le famiglie del “borgo”, come tradizione, si troveranno per la Celebrazione Eucaristica alle ore 11.15, presso l’Icona della Madonna dei Vigneti, a cui seguirà un momento di agape fraterna.

2016-2017 Corsi di teologia #6: Leggere oggi il vangelo di Matteo - prof. Franco Gismano (9/3/2017)

Sono iniziati i corsi di Teologia per l'anno 2016-2017.
Il sesto incontro della Scuola di Teologia si è tenuto giovedì 9 marzo alle ore 20.30 dal prof. Franco Gismano con tema “Leggere oggi il vangelo di Matteo”.

2016-2017 Corsi di teologia #5: Leggere oggi il vangelo di Matteo - prof. Franco Gismano (2/3/2017)

Sono iniziati i corsi di Teologia per l'anno 2016-2017.
Il quinto incontro della Scuola di Teologia è tenuto giovedì 2 marzo alle ore 20.30 dal prof. Franco Gismano con tema “Leggere oggi il vangelo di Matteo”.

Via Crucis Decanale

Le Comunità parrocchiali del nostro Decanato, insieme all’Arcivescovo Carlo, si ritroveranno insieme, venerdì 17 marzo alle ore 20.00 con partenza dal piazzale della Chiesa di San Martino, per vivere una significativa VIA CRUCIS. Ogni Parrocchia gestirà una stazione lungo la strada asfaltata che porta al Monte San Michele.

Sarà attivo un servizio di trasporto per le persone che hanno difficoltà a camminare.

La Via Crucis Cittadina a Cormons

Via Crucis CittadinaVenerdì 7 aprile 2017 alle ore 20.30 a Cormòns, verrà vissuta la Via Crucis cittadina che quest’anno si snoderà dalla Chiesa di Sant’Apollonia proseguendo per Via San Giovanni, Via Patriarchi, sosta nella Piazzetta e Riva della Torre per concludersi in Piazza XXIV Maggio, davanti al Municipio. Confidiamo nella partecipazione di tutta la Comunità.

Pellegrinaggio a Fatima, Portogallo e Santiago di Compostela: incontro dei Pellegrini

Vogliamo ricordare il Pellegrinaggio che, come Collaborazione Pastorale, s’intende vivere da mercoledì 22 a lunedì 27 marzo 2017, in occasione del centenario delle Apparizioni della Beata Vergine Maria alla Cova da Iria, a Fatima, Portogallo e Santiago di Compostela. Mercoledì prossimo 15 marzo, alle ore 18.00, presso la sala Basso, i pellegrini sono invitati ad un incontro di formazione e preparazione al pellegrinaggio.

Concorso per il logo del 70esimo del Cormons 1°

CONCORSO Quest'anno il gruppo AGESCI Cormons 1° compie 70 anni! È ormai da decenni che gli scout giocano, si avventurano e operano nella nostra comunità.

In  tanti sono entrati a far parte di questo gruppo, per pochi anni oppure abbastanza per far diventare lo scautismo uno stile di vita.

Allo scopo di ricordare tutti quelli che in passato hanno fatto parte di questa piccola comunità e per festeggiare insieme ai ragazzi che attualmente la compongono, il Cormons 1 durante quest'anno proporrà molte iniziative.

Prima fra tutte, per rendere ancora più bello questo compleanno,  il gruppo scout indice un concorso per creare il logo ufficiale del settantesimo!

Possono partecipare tutti: scout, ex-scout, amici, simpatizzanti... Il logo vincitore avrà l'opportunità di essere usato su tutti i volantini, gli inviti e i manifesti che verranno creati per le attività dell'anniversario, oltre a poter vincere un bel premio! Quindi mettete in moto la vostra fantasia e partecipate al concorso per i 70 anni del Cormons 1! Per il regolamento completo del concorso ed informazioni consultate la pagina Facebook, il sito del gruppo o chiedete a voce ad un componente della Comunità Capi.

Due giorni di incontri con Padre Rupnik

Due giorni di incontri con Padre RupnikNell’ambito degli incontri programmati in occasione della solennità dei Santi Ilario e Taziano patroni della città di Gorizia, lunedì 13 ritornerà a Gorizia dove operò nel Centro culturale “Stella Matutina” Padre Marko Ivan Rupnik S.J. Lunedì 13 marzo è previsto un confronto con gli amministratori della cosa pubblica, rappresentanti delle istituzioni e politici sul tema “E se i politici ascoltassero l’arte?”. In serata, alle ore 20.30 al teatro “Giuseppe Verdi” di Gorizia, Padre Marko terrà una lectio magistralis sul tema: “L’occidente a una svolta: il Cristianesimo è una speranza?”

Scuola di teologia

Sono ripresi la settimana scorsa, presso il Centro Pastorale “Mons. Trevisan”, gli incontri della Scuola di Teologia Diocesana. Aperti a tutti, gli incontri offrono un’occasione per la ricerca ed il confronto sul significato dell’esperienza vitale della Fede riflettendo sul Vangelo di Matteo. Gli incontri, ogni giovedì del mese di marzo (ore 20.30), saranno anche trasmessi via streaming su www.chiesacormons.it .

La croce astile di Borgnano.

Croce lignea astile di BorgnanoL’antica croce lignea astile della parrocchia di Borgnano è stata per la prima volta, dopo un accurato restauro, presentata al pubblico in occasione della festa patronale di Santa Fosca, che quest’anno è coincisa anche con l’80.mo anniversario dell’ingresso del primo parroco don Giovanni Battista Nanut, avvenuto il 13 febbraio 1937. Un restauro voluto alcuni anni fa da Dirce Furlan, donna tenace e volitiva che ha dedicato la sua vita per la comunità di Borgnano e della sua chiesa. Dirce aveva trovato questa croce dimenticata in una soffitta e aveva intuito la sua importanza per la storia della piccola comunità. L’aveva spolverata e collocata con la sua asta nella sala parrocchiale. Ed è qui che nel 2009, in occasione di una conferenza sulla figura di monsignor Luigi Faidutti, che Ferruccio Tassin l’ha notata cogliendone l’importanza per il legame storico che la croce poteva avere con il territorio. Una croce che oggi rappresenta – come afferma Tassin – “la continuità tra l’antichissima chiesetta sul colle e quella in piano”. Pur senza alcun valore artistico, la croce astile comunque è molto rara come manufatto in legno – a quanto pare non se ne conoscono altre in diocesi - perché gli esempi conosciuti sono in metallo più o meno prezioso. Ed è per questo motivo, che con il consenso del parroco di allora don Sergio Ambrosi, si è ritenuto di procedere al suo restauro per riportarla alle sue fattezze originali perché erano evidenti i rimaneggiamenti avvenuti nel tempo forse per riparare i danni dell’usura.

Pagine

Diretta Streaming

 
 Diretta Video Live da Rosa Mistica


Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui


 RadioInsieme 1: Duomo



Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui


 RadioInsieme 2: Rosa Mistica

'

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui


 RadioInsieme 3: Centro Cattolico



Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui


Hai problemi di ascolto ?
Clicca qui.

Accesso utente

 

Calendario annuale

 

Il Vangelo della settimana

 

19-03-2017

L' esperienza della sete attraversa costantemente la nostra esistenza. Solo l’incontro con il Cristo può colmare la sete d’amore che abita nei nostri cuori. Talora il nostro cammino è come quello di Israele nel deserto, quando la mancanza d’acqua porta a dubitare della presenza di Dio. Oggi il Signore ci attende al suo pozzo perché possiamo incontrarlo e diventare noi stessi sorgenti di vita. Il Vangelo si apre attorno ad un pozzo, dov'è Gesù, che chiede da bere ad una donna samaritana. Quanti altri episodi dell'Antico Testamento attorno ad un pozzo: il servo di Abramo che incontra Rebecca, che sarà moglie di Isacco; Giacobbe e Rachele; Mosè e Zippora. Tutte scene nuziali: indicano una relazione… è Dio che corteggia l’umanità segnata dalla proprie miserie e tanti fallimenti. Quante volte Gesù si è fatto pozzo: "Chi ha sete, venga a me e beva"! Un invito per chi ha sete, per chi è povero, per chi manca. Oggi è Gesù stesso ad aver sete, ad essere stanco per il viaggio, appoggiato al pozzo e, con umiltà, dichiara il suo bisogno ad una donna straniera, figlia di un popolo disprezzato come eretico. La donna glielo fa notare: "Tu chiedi da bere a me, una donna samaritana?". L'umiltà permette a Dio di entrare nel cuore umano e convincerlo del suo bisogno. Allora sarà la donna a scoprirsi povera e bisognosa di bere al pozzo che è Gesù. Il dialogo tra Gesù e la donna non è equivalente. Mentre la samaritana fa questione di luogo (questo monte... Gerusalemme), Gesù sposta l'attenzione sul tempo "giunto" per adorare il Padre in spirito e verità e per riconoscere in Lui il Messia atteso e finalmente giunto tra noi. La rivelazione di Gesù non è generica, ma diretta e concreta: sono io che parlo a te, qui e oggi. La donna di Samaria, che lascia la brocca e va a raccontare tutto ai suoi concittadini, anticipa quello che accadrà alla risurrezione, quando ancora una donna sarà la prima a dare la buona notizia agli uomini. A tutti, uomini e donne, il compito di credere che il nostro ospite è "il salvatore del mondo". E l'acqua, sia quella del pozzo con la samaritana, sia quella che Mosé fa scaturire dalla roccia, è un chiaro riferimento al Battesimo ed è immagine di Cristo, sorgente d'acqua che zampilla per la vita eterna. La Quaresima è un cammino, come quello che Gesù fa compiere alla Samaritana, prima di rivelarsi come Salvatore, aiutandola a prendere coscienza dei suoi fallimenti e della sua fragilità. È quello che invoca la preghiera che oggi, nella Messa, chiede a Dio: "Guarda a noi che riconosciamo la nostra miseria”. Un’ultima sottolineatura: alla fine del racconto evangelico, Giovanni afferma che la donna lascia la brocca e torna in città a dirlo a tutti. Lei, una samaritana, la prima missionaria: finalmente ha fatto esperienza di amore, quello vero, ed è per questo che trova il coraggio di annunciarlo, di raccontarlo.

La preghiera della settimana

 

19-03-2017

N on è facile, né immediato

scoprire che tu, Gesù, sei l’acqua viva

che può colmare la nostra sete profonda.

All’apparenza, quando ti incontriamo,

sembri solamente un assetato,

come tutti, privo, fra l’altro,

di quei mezzi

che sembrano assicurare la vera felicità,

la riuscita della nostra esistenza.

Non è agevole, né piacevole

lasciarti scoperchiare le zone oscure

della nostra esistenza,

per portare alla luce

quello che vorremmo nascondere

anche a noi stessi, alla nostra coscienza.

La tua parola, che ha effetti benefici,

talora brucia quando raggiunge

le profondità della carne e del cuore

e ci mostra l’illusione delle mezze verità.

La tua parola illumina la strada

che conduce al volto autentico di Dio

e sbarazza il nostro bagaglio

dai falsi problemi e

dalle indicazioni errate.

Così tu ci conduci all’incontro con te,

Gesù, così tu ti riveli come l’Atteso,

l’Inviato, il Salvatore del mondo.

E noi proviamo il bisogno

di annunciarti a quelli che conosciamo,

con la nostra fede disseminata

di punti di luce e di oscurità,

di dubbi e di interrogativi

che persistono.

E accettiamo che ognuno

poi ti incontri, a modo suo,

faccia la sua esperienza

e cammini con le sue gambe.

 

 

(Roberto Laurita)

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2014

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato..
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.

È più facile rinunciare alla propria felicità che al proprio orgoglio (Paul Claudel) #giornatadellafelicita

Gianfranco Ravasi, Cardinale

San Giuseppe, Sposo di Maria e Patrono della Chiesa universale, vi benedica e vi custodisca. E tanti auguri ai papà!

Francesco, Papa

Cuore a cuore ti parlerò

Donpi, mons

Notizie del SIR

Cerca un Sito Cattolico

Informazioni sul sito

Informazioni e statistiche riferite al sito chiesacormons.it

I numeri del sito al (19/5/2016)

7167
Pagine pubblicate
8007
Foto pubblicate
7200
Megabytes di dati inseriti
708
Utenti registrati

La redazione

Adalberto Chimera
Articolista

Responsabile dei contatti con la stampa.

Voce Isontina front man.

Alfredo Di Carlo
Fotografo ed articolista

Valente fotografo ed articolista.

Appassionato della tecnologia e prezioso supporto tecnico.

Anastasia Di Carlo
Redattrice ed fotografa

Entusiasta redattrice e promettente fotografa.

Abbiamo lei che abbatte la media d'età del sito.

Andrea Femia
Direzione operativa

Direzione operativa della redazione.

Chiesacormons evangelist.

Francesco Marcon
Articolista, redattore

Redattore e informatico.

Fai un "fischio" ed arriva. Sempre disponibile.

Franco Femia
Articolista, redattore

Autorevole articolista.

Un giornalista vero, il pedigree della redazione.

Giorgio Abate
Fotografo ed articolista

Fotografo ed articolista.

Il nostro Jolly. Sempre sulla notizia.

Luciano Bozzini
Redattore ed informatico

Redattore ed informatico.

Giovane promessa. Sempre affidabile e disponibile.

Luciano Ventrella
Fotografo e redattore

Fotografo e redattore.

Si muove in discrezione con grande efficienza.

Lucio Iacolettig
Direzione tecnica

Direzione tecnica e riprese video.

E' quello che alza la media d'età alla redazione.

Marianna Braida
Redattrice ed articolista

Redattrice ed articolista.

Affronta le cose con un bel sorriso, lo fa in modo serio.

mons Paolo Nutarelli
Supervisore

Supervisore della redazione.

Il delicato tocco spirituale e grande motivatore del gruppo.

Partrik Bussani
Fotografo ed articolista

Fotografo ed articolista.

Tiene sempre il motore caldo per essere sulla notizia.

Roberto Tomat
Redattore

Responsabile sezione canzoniere liturgico.

Tutta l'Italia accede al materiale che pubblica.

Simone Cappello
Fotografo e redattore

Fotografo artista e redattore.

Oltre al resto, l'apporto artistico alla redazione.

Santina Odelli
Fotografa ed articolista

Valente fotografa ed articolista.

Il tocco di classe femminile alla redazione.

Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
RSS icon
e-mail icon