Facebook icon
YouTube icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
Riprende l'apertura dei Campi esterni del RIC dal lunedì al venerdì dalle ore 15:30 alle ore 18:30 --- Domenica 03/07 alle ore 10:00 in Duomo a Cormons la S.Messa sarà celebrata da fra Piero Russian --- Mercoledì 06/07 Rinnovo Promesse Cormons 1: ore 18:30 S.Messa in Duomo, ore 19:30 Rinnovo Promesse in Rosa Mistica, ore 20:00 Momento Conviviale in Ricreatorio ---

Guarda la galleria fotografica

La cripta sotterranei con resti mummificati (9)

 

E ora veniamo ai sotterranei del Duomo. A Cormons l’usanza di seppellire i morti nell’interno della chiesa avveniva anche nella vecchia pieve, come risulta dai registri dei morti. C’erano quindi già dei sotterranei anche se quelli attuali, vista la loro fattura, furono rifatti quando fu  realizzato il nuovo Duomo.

Esistono tre cripte nell’attuale parrocchiale, dove venivano fatte le sepolture in corrispondenza di altrettante pietre sepolcrali che si trovano sul pavimento della navata (portano la data 1774 e 1772) e del presbiterio (1772).

In questa puntata esaminiamo il sotterraneo principale. Vi si accede da una botola che si trova all’altezza del portale di ingresso. Una ripida scala porta a un corridoio che si sviluppa per gran parte della navata. Ai lati, dieci per parte, ci sono le celle, abbastanza ampie, che conservano in totale 33 salme, in gran parte ormai ridotte a scheletri. I nomi dei defunti sepolti nelle celle sotterranee, stando ai registri dei morti, sono più numerosi di quelli attualmente conservati. Questo induce a pensare che i corpi ridotti a sole ossa fossero periodicamente riesumati e traslati nella prima cella, dove sono conservate molte ossa o traslate in un ossario esterno.

Le celle mortuarie, come per i ceri e il numero di essi utilizzati per le esequie, erano concesse solo dietro a pagamento. Può anche essere che alcune famiglie concedessero su richiesta la sepoltura a componenti di altre famiglie. Molti erano bambini di pochi mesi o anni. Su un totale di 118 sepolture nelle celle sotterranee 26 sono di bambini sotto l’anno di età e 27 tra uno e 10 anni, il 45% do tutte le sepolture.  

Sono solo due le salme che presentano un’integra mummificazione, alcune solo in parte, altre ancora conservano i vestiti. Ci sono anche le bare, semplici e di legno, tutte scoperchiate. I due corpi mummificati – un adulto di considerevole altezza e un bambino – si trovano in una cella, dove è presente il condotto di aereazione e questo avrebbe favorito la loro conservazione. In merito alla conservazione delle salme Blasutic annota che si conservarono bene quelli sepolti nella chiesa nuova, e questo forse perché le condizioni di ventilazione sono migliori in confronto alla chiesa vecchia piccola e bassa. Blasutic conclude dicendo che “due misteriose conservazioni dei cadaveri dipendono da ignote cause, ma è certo si è che un deceduto di morte violenta nell’inverno e chiuso in una di queste celle si mummifica ottimamente tanto più bene se la bara fosse scoperchiata. Abbiamo di quanto osserviamo la testimonianza del fatto, che dei gufi o barbagianni caduti nelle celle attraverso il canale di aereazione furono trovati perfettamente mummificati ma senza piume”.  

 Ma chi erano le famiglie titolari delle celle? Sempre dai registri si sa che erano i del Mestri, i Ribisini, i Locatelli, i Pancera, i Gal, gli Strazzolini, i Saus, i Reggio, i de Taccò. Il primo a essere sepolto sotto la chiesa nuova, scrive Blasutic, fu Pietro Bosco nel 1762 e fu posto nella prima cella a sinistra scendendo nei sotterranei.

Pur conoscendo tutti i nomi dei sepolti nei sotterranei dal 1762 al 1784 è difficile poter identificare i poveri resti. Gli appunti e gli schizzi presi da Franco Femia, durante la visita compiuta nel marzo nel 1997, ci aiutano nella descrizione. Sulla porta di due celle ci sono incise le iniziali G. L. e dai nomi sappiamo che dovrebbero essere quelle che ospitavano i Locatelli. Inoltre dei resti conservati in una cella è trascritto il colore rosso delle vesti e ciò sta a indicare che potrebbe essere l’arcidiacono Sertorio del Mestri e questo è confermato anche dalla data 1769 riportata sul coperchio del sarcofago, che è l’anno in cui morì Sertorio.

Su un’altra porta in gesso c’è scritto Reggio e ci fa pensare che la cella era la sepoltura della famiglia Reggio.

Poi, la data 1783 e il tipo di coperchio, confrontata con i deceduti di quell’anno, ci porta a Giorgio Boschi che nel 1776 era il podestà di Cormons. La cella con quattro corpi, due adulti e due bambini di diversa età, confrontata con l’elenco generale dei sepolti ci porta alla famiglia Boschi.

Nella prossima puntata descriveremo le altre due cripte: quella degli aderenti alla Confraternita del Ss. Sacramento e dei sacerdoti.

Galleria di immagini: 

Diretta Streaming

 

3/7/2022 - Per motivi tecnici le celebrazioni da Rosa Mistica sono sospese. Siamo confidenti che un componente dedicato alla trasmissione venga riparato entro la prossima settimana. Ci scusiamo per il disservizio non dipendente dalla nostra volontà.
Diretta Video Live:

Accesso utente

 

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2018

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Dana Sport articoli sportivi
  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato.
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.

Stillate, cieli, dall’alto, le nubi facciano piovere il Giusto; si apra la terra e germogli il Salvatore. (Cf. Is 45,8)

Gianfranco Ravasi, Cardinale

Esprimo la mia vicinanza alle popolazioni delle Filippine, colpite da un forte tifone che ha provocato molti morti e distrutto tante abitazioni. Che il Santo Niño porti consolazione e speranza alle famiglie più colpite. #PreghiamoInsieme.

Francesco, Papa

Notizie del SIR

Cerca un Sito Cattolico