Facebook icon
YouTube icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
Riprende l'apertura dei Campi esterni del RIC dal lunedì al venerdì dalle ore 15:30 alle ore 18:30 --- Lunedì 15/08 S. Messe per Solennità di Santa Maria Assunta: a Cormons ore 09:00 a San Leopoldo, ore 10:00 in Duomo e ore 18:30 nel Santuario di Rosa Mistica; a Dolegna ore 10:00 nella Chiesa di San Giuseppe; a Borgnano ore 11:00 nella Chiesa di Santa Fosca; a Brazzano ore 11:00 nella Chiesa di Santo Stefano a Giassico --- Martedì 16/08 Festa di San Rocco a Brazzano S.Messa ore 18:30 --- Mercoledì 17/08 a Cormons presso il Centro Pastorale "Mons. Trevisan" serata di presentazione del GREST 2022 --- Da giovedì 18/08 a Cormons presso il Centro Pastorale "Mons. Trevisan", dalle ore 08:30, si svolgeranno le attività del GREST 2022 ---

[wysiwyg_imageupload:35:]In molte delle nostre case, accanto al presepe, o in solitaria maestà, spesso risplende, pieno di luci e ricco di variopinti pendagli, anche l’albero di Natale.

I più ritengono, ma a torto, che sia un simbolo solo pagano e che mal si accosta al presepe, unica vera icona del Natale cristiano.

Ma così non è.

Già nel IV secolo, il siriano padre Ephrem riferisce che le case dei cristiani, durante i festeggiamenti dell’Epifania, erano decorate con corone di verdi fronde. Nel medioevo, poi, si era soliti ornare con rami, ramoscelli ed anche alberi le dimore durante le festività natalizie.

Antiche leggende ancor vive fino al X secolo narravano come le piante rifiorissero d’inverno il giorno della nascita del Cristo e come il verde perenne del bossolo o dell’abete simboleggiassero l’immortalità e la vita nuova che rinvigorisce nel mezzo del freddo inverno.

Il significato cristiano dell’albero di Natale, dunque, è originario e non deriva affatto dalle credenze celtiche legate al solstizio d’inverno o ad usi pagani.

In antichi calendari medievali alla data del 24 dicembre vengono non di rado associati i nomi di “Adamo” ed “Eva”.

L’albero era il protagonista delle rappresentazioni dette “Misteri”, nelle quali durante il periodo natalizio si rappresentavano i nostri progenitori nel Paradiso terrestre, il diavolo tentatore, l’Angelo Cherubino che li scaccia e si pone a guardia del “giardino” con la spada fiammante.

L’usanza di tagliare abeti e di adornarli all’interno delle case nel periodo natalizio si è molto sviluppata, specie nei paesi nordici, a partire dal XV secolo. Una cronaca della città tedesca di Schlettstadt risalente alla fine del cinquecento descrive un albero adornato con mele ed ostie appese.

Le mele rimandano, con chiara evidenza, all’albero della “tentazione”, origine del peccato e del male, mentre le ostie simboleggiano il pane eucaristico che muta l’albero del peccato in albero della vita: al frutto della “morte” si contrappone il “pane eucaristico” offerto da Cristo per il perdono.

In un antico diario redatto a Strasburgo nel 1605 si legge: “A Natale si rizzano alberi nelle stanze e ad essi si appendono rose ritagliate in carta multicolore, mele, ostie, ori vibranti, zuccherini”.

C’è in questo resoconto tutta una simbologia di evidente richiamo al messaggio cristiano: la rosa è un antico richiamo al “germoglio” che cresce sul “tronco di Jesse” (Isaia 11, 1), o l’eco dell’antica leggenda della rosa di Gerico che fiorì quando Maria la calpestò nella notte di Natale; gli “ori vibranti”, dal canto loro, con il loro luccichio preannunciano le candeline, e poi le luci che, in tempi più vicini a noi, faranno risplendere e luccicare l’albero natalizio, il quale così diventa albero della luce “che risplende nelle tenebre” (Gv. 1,5) e simboleggia Cristo che è “la luce del mondo” (Gv. 8,12).

Quando nel XIX secolo i soffiatori di Meisen riusciranno a costruire le sfere di vetro multicolori, queste sostituiranno le mele e le ostie saranno soppiantate dai biscotti; l’albero si riempirà via via di ogni oggetto che possa assumere il significato di “dono” a ricordo di quelli offerti al Bambino dai Magi nella Santa grotta di Betlemme.

O TannenbaumDein
Kleid will mich was lehren:
Die Hoffnung und Beständigkeit
Gibt Mut und Kraft zu jeder Zeit!
O Tannenbaum
Dein Kleid will mich was lepre

(Oh albero di Natale
Il tuo vestito mi vuole insegnare qualcosa:
La speranza e la costanza
Dammi coraggio e forza in ogni momento!
Oh albero di natale
Il tuo vestito mi vuole insegnare qualcosa)

Informazioni

 

Diretta Streaming

 

Diretta Video Live:

Accesso utente

 

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2018

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Dana Sport articoli sportivi
  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato.
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.

Stillate, cieli, dall’alto, le nubi facciano piovere il Giusto; si apra la terra e germogli il Salvatore. (Cf. Is 45,8)

Gianfranco Ravasi, Cardinale

Esprimo la mia vicinanza alle popolazioni delle Filippine, colpite da un forte tifone che ha provocato molti morti e distrutto tante abitazioni. Che il Santo Niño porti consolazione e speranza alle famiglie più colpite. #PreghiamoInsieme.

Francesco, Papa

Notizie del SIR

Cerca un Sito Cattolico