Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
Da lunedì 27/09 dalle ore 20:30, in presenza, presso il Centro Pastorale "Mons. Trevisan" riprendono gli incontri del "Gruppo della Parola" --- Martedì 28/09 alle ore 20:30 in Duomo incontro dei genitori dei bambini del Secondo Anno di Catechesi --- Mercoledì 29/09 alle ore 20:30 in Duomo incontro dei genitori dei bambini del Primo Anno di Catechesi --- Sabato 02/10 Festa Madonna del Rosario: alle ore 18:00 in San Leopoldo a Cormons recita della Preghiera del San Rosario e, a seguire, alle ore 18:30 celebrazione della S.Messa Vespertina --- Domenica 03/10 Festa della Madonna del Rosario: alle ore 08:00 - 09:30 - 11:00 in San Leopoldo a Cormons celebrazione delle S.Messa e, al termine della Messa delle ore 11:00, verrà recitata la Supplica alla Madonna del Rosario di Pompei --- Domenica 03/10 Festa della Madonna del Rosario: alle ore 18:00 a Brazzano verrà celebrata la S.Messa e, al termine, seguirà la Processione per le vie del centro abitato --- Venerdì 08/10 alle ore 20:30 a Cormons nella Chiesa di San Leopoldo Veglia di Preghiera per l'ordinazione e diacono di Fra Piero Russian e Francesco Vitale --- Sabato 09/10 alle ore 10:30 nella Basilica di Sant'Antonio a Padova verrà ordinato diacono Fra Piero Russian --- Domenica 17/10 Festa della Madonna del Rosario: a Dolegna alle ore 09:45 e alle ore 10:30 XVII Rassegna Campanara e alle ore 10:30 nella Chiesa di San Giuseppe a Dolegna verrà celebrata la S.Messa Solenne --- Giovedì 28/10 nella Cattedrale Metropolitana di Varsavia (Polonia) verrà ordinato diacono Francesco Vitale ---

In ricordo di Don Rino - 11 gennaio 1982-2012

Mons. Pietro Cocolin Trent’anni fa, l’11 gennaio 1982, moriva monsignor Pietro Cocolin. Una scomparsa che ha lasciato un vuoto nella Chiesa goriziana, di cui Cocolin era stato protagonista prima come sacerdote poi come arcivescovo. Cormons ha avuto il dono di averlo per sette anni cappellano, dal 1944 al 1951, nel suo primo mandato pastorale. Don Rino, come si faceva chiamare e come sempre lo hanno chiamato i cormonesi, ha lasciato il segno nella nostra comunità, ma anche la nostra comunità è rimasta sempre dentro il cuore di don Rino. Ebbe sempre con Cormons un rapporto filiale, come ha ricordato nell’omelia don Sergio Ambrosi, che ha presieduto nel santuario di Rosa Mistica la messa nel ricordo dell’anniversario della sua morte.

Don Rino portò sempre Cormons nel cuore e non solo nei fecondi sette anni del suo ministero pastorale in un periodo difficile per la nostra comunità: prima la guerra con il suo doloroso travaglio; poi le dolorose ferite e lacerazioni che le vicende di confine avevano esarcebato. Con la saggezza, che gli derivava dalle sue radici contadine, aveva saputo capire, vivere il tempo e la storia della gente. E così don Rino guardò oltre, seppe trovare nei giovani di allora motivo di rinascita, entusiasmo e motivazioni per costruire attraverso il dialogo e gli ideali nuovi progetti. Nascevano allora, con il ricreatorio, iniziative ed esperienze che ancora oggi, a distanza di tanti anni vivono e producono il loro frutti. E citiamo solo il movimento scoutistico con la nascita del Cormons 1° e poi, nel mondo sportivo, la creazione dell’Alba anche se ci sarebbe da scrivere un libro su quel periodo cormonese che vide operare don Rino. “La nostra promessa era un impegno preciso – ricordò don Rino, nel 1977, al trentennale di fondazione del Cormons 1° -. Per molti di voi, ormai padri di famiglia, l’impegno è stato mantenuto e i vostri figli percorrono oggi la vostra strada. Il seme gettato allora ha portato abbondanti frutti”.

Don Rino portò Cormons nel cuore anche quando intraprese altre esperienze pastorali a Terzo, Aquileia e Monfalcone. E lo portò nel cuore anche quando divenne il vescovo Pietro. E lo fece fino agli ultimi suoi giorni di vita interessandosi della vita della comunità, non solo di quella pastorale, ma anche civile. Si informava, spronava, incoraggiava, invitava a non aver timore delle novità, a dialogare con tutti.

Il suo volto si illuminava quando incontrava qualche cormonese. Ed allora prima ti poneva una serie di domande sulla vita della comunità, si informava su questo o quello – di solito chiedeva dei “suoi ragazzi” specialmente di quelli che aveva perso traccia –. E poi, se il tempo lo permetteva, era un fiume di ricordi e di aneddoti, da cui si capiva quanto il suo legame con Cormons fosse rimasto forte, indissolubile e quanto amava la nostra città. “Quando da Terzo con la motocicletta tornavo a Cormons, mi fermavo a Saldarini ad ammirare con un gruppo in gola il Quarin”, raccontò un giorno quando era già vescovo.

 

Trent’anni fa, l’11 gennaio 1982, moriva monsignor Pietro Cocolin. Una scomparsa che ha lasciato un vuoto nella Chiesa goriziana, di cui Cocolin era stato protagonista prima come sacerdote poi come arcivescovo. Cormons ha avuto il dono di averlo per sette anni cappellano, dal 1944 al 1951, nel suo primo mandato pastorale. Don Rino, come si faceva chiamare e come sempre lo hanno chiamato i cormonesi, ha lasciato il segno nella nostra comunità, ma anche la nostra comunità è rimasta sempre dentro il cuore di don Rino. Ebbe sempre con Cormons un  rapporto filiale, come ha ricordato nell’omelia don Sergio Ambrosi, che ha presieduto nel santuario di Rosa Mistica la messa nel ricordo dell’anniversario della sua morte.

Don Rino portò sempre Cormons nel cuore e non solo nei fecondi sette anni del suo ministero pastorale in un periodo difficile per la nostra comunità: prima la guerra con il suo doloroso travaglio; poi  le dolorose ferite e lacerazioni che le vicende di confine avevano esarcebato. Con la  saggezza, che gli derivava dalle sue radici contadine, aveva saputo capire, vivere il tempo e la storia  della gente. E così don Rino guardò oltre, seppe trovare nei giovani di allora  motivo di rinascita, entusiasmo e motivazioni per costruire  attraverso il dialogo e gli ideali nuovi progetti. Nascevano allora,  con il ricreatorio,  iniziative ed esperienze  che ancora oggi, a distanza di tanti anni  vivono e producono il loro frutti. E citiamo solo il movimento scoutistico con la nascita del Cormons 1° e poi, nel mondo sportivo, la creazione dell’Alba anche se ci sarebbe da scrivere un libro su quel periodo cormonese che vide operare don Rino. “La nostra promessa era un impegno preciso – ricordò don Rino, nel 1977, al trentennale  di fondazione del Cormons 1° -. Per molti di voi, ormai padri di famiglia, l’impegno è stato mantenuto e i vostri figli percorrono oggi la vostra strada. Il seme gettato  allora ha portato abbondanti frutti”.

Don Rino portò Cormons nel cuore  anche quando intraprese altre esperienze pastorali a Terzo, Aquileia e Monfalcone. E lo portò nel cuore anche quando divenne il vescovo Pietro. E lo fece  fino agli ultimi suoi giorni di vita interessandosi della vita della comunità, non solo di  quella pastorale, ma anche civile. Si informava, spronava, incoraggiava, invitava a non aver timore delle novità, a dialogare con tutti.

Il suo volto si illuminava quando incontrava qualche cormonese. Ed allora prima ti poneva una serie di domande sulla vita della comunità, si informava su questo o quello – di solito chiedeva dei  “suoi ragazzi” specialmente di que

Trent’anni fa, l’11 gennaio 1982, moriva monsignor Pietro Cocolin. Una scomparsa che ha lasciato un vuoto nella Chiesa goriziana, di cui Cocolin era stato protagonista prima come sacerdote poi come arcivescovo. Cormons ha avuto il dono di averlo per sette anni cappellano, dal 1944 al 1951, nel suo primo mandato pastorale. Don Rino, come si faceva chiamare e come sempre lo hanno chiamato i cormonesi, ha lasciato il segno nella nostra comunità, ma anche la nostra comunità è rimasta sempre dentro il cuore di don Rino. Ebbe sempre con Cormons un rapporto filiale, come ha ricordato nell’omelia don Sergio Ambrosi, che ha presieduto nel santuario di Rosa Mistica la messa nel ricordo dell’anniversario della sua morte.

Don Rino portò sempre Cormons nel cuore e non solo nei fecondi sette anni del suo ministero pastorale in un periodo difficile per la nostra comunità: prima la guerra con il suo doloroso travaglio; poi le dolorose ferite e lacerazioni che le vicende di confine avevano esarcebato. Con la saggezza, che gli derivava dalle sue radici contadine, aveva saputo capire, vivere il tempo e la storia della gente. E così don Rino guardò oltre, seppe trovare nei giovani di allora motivo di rinascita, entusiasmo e motivazioni per costruire attraverso il dialogo e gli ideali nuovi progetti. Nascevano allora, con il ricreatorio, iniziative ed esperienze che ancora oggi, a distanza di tanti anni vivono e producono il loro frutti. E citiamo solo il movimento scoutistico con la nascita del Cormons 1° e poi, nel mondo sportivo, la creazione dell’Alba anche se ci sarebbe da scrivere un libro su quel periodo cormonese che vide operare don Rino. “La nostra promessa era un impegno preciso – ricordò don Rino, nel 1977, al trentennale di fondazione del Cormons 1° -. Per molti di voi, ormai padri di famiglia, l’impegno è stato mantenuto e i vostri figli percorrono oggi la vostra strada. Il seme gettato allora ha portato abbondanti frutti”.

Don Rino portò Cormons nel cuore anche quando intraprese altre esperienze pastorali a Terzo, Aquileia e Monfalcone. E lo portò nel cuore anche quando divenne il vescovo Pietro. E lo fece fino agli ultimi suoi giorni di vita interessandosi della vita della comunità, non solo di quella pastorale, ma anche civile. Si informava, spronava, incoraggiava, invitava a non aver timore delle novità, a dialogare con tutti.

Il suo volto si illuminava quando incontrava qualche cormonese. Ed allora prima ti poneva una serie di domande sulla vita della comunità, si informava su questo o quello – di solito chiedeva dei “suoi ragazzi” specialmente di quelli che aveva perso traccia –. E poi, se il tempo lo permetteva, era un fiume di ricordi e di aneddoti, da cui si capiva quanto il suo legame con Cormons fosse rimasto forte, indissolubile e quanto amava la nostra città. “Quando da Terzo con la motocicletta tornavo a Cormons, mi fermavo a Saldarini ad ammirare con un gruppo in gola il Quarin”, raccontò un giorno quando era già vescovo.

 

lli che aveva perso traccia –. E poi, se il tempo lo permetteva, era un fiume di ricordi e di aneddoti, da cui si capiva quanto il suo legame con Cormons fosse rimasto forte, indissolubile e quanto amava la nostra città. “Quando da Terzo con la motocicletta tornavo a Cormons, mi fermavo a Saldarini ad ammirare con un gruppo in gola il Quarin”, raccontò un giorno quando era già vescovo.

Diretta Streaming

 

 

 RadioInsieme 1: Duomo

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 2: Rosa Mistica

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 3: Centro Pastorale

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 4: san Leopoldo

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

Hai problemi di ascolto ?
Clicca qui.

Accesso utente

 

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2018

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Dana Sport articoli sportivi
  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato.
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.

Nessuno accende una lampada e la copre con un vaso o la mette sotto un letto, ma la pone su un candelabro, perché chi entra veda la luce (Lc 8,16)

Gianfranco Ravasi, Cardinale

Siamo chiamati ad essere testimoni e messaggeri della misericordia di Dio, per offrire al mondo luce dove sono le tenebre, speranza dove regna la disperazione, salvezza dove abbonda il peccato.

Francesco, Papa

Il Grest alla festa dell'uva 2019 | Unità Pastorale di Cormòns chiesacormons.it/node/9183

Donpi, mons

Notizie del SIR

Cerca un Sito Cattolico