Facebook icon
YouTube icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
Durante la Quaresima la Via Crucis con i seguenti orari: ogni giovedì a Brazzano alle ore 18:00 nella chiesa di San Rocco, ogni venerdì a Cormons alle ore 15:00 nella Chiesa della Subida, alle ore 17:50 nel Santuario di Rosa Mistica e alle ore 18:30 a Borgnano nella di Santa Fosca --- Durante la Quaresima sarà attiva l'oasi delle ascolto il venerdì dalle ore 09:30 alle ore 11:00 nel Santuario di Rosa Mistica e il sabato dalle ore 17:30 alle ore 18:15 nella chiesa di San Leopoldo --- La Caritas Parrocchiale nell'ambito dell'iniziativa "Una Pasqua per tutti" invita la Comunità a donare un dolce pasquale alle famiglie assistite: questi doni possono essere posti nelle ceste che si trovano in Duomo e nella chiesa di San Leopoldo --- Martedì 5 e 12 marzo alle ore 20:30 presso la chiesa parrocchiale San Valentino Martire di Fiumicello si terranno due incontri di formazione per lettori --- Venerdì 22/03 alle ore 20:00 a Brazzano Via Crucis cittadina: la celebrazione partirà e si concluderà nella chiesa di San Lorenzo, percorrendo le strade del paese ---

Che luglio sarebbe senza i campi parrocchiali!

Ieri come ogCampo parrocchiale 1967gi luglio era il mese dei campi estivi. Il 1° luglio arrivava una corriera, si saliva con il proprio zaino e un carico di allegria: destinazione la montagna. Almeno per i ragazzi che ruotavano attorno all’Azione cattolica. Campi che sono iniziati per i cormonesi verso la fine degli anni Sessanta, molto dopo gli scout che avevano cominciato a organizzare i loro campi fin dall’anno della loro nascita, il 1947, anche se don Rino Cocolin aveva portato in montagna i ragazzi cormonesi già l’anno prima.

Torniamo invece ai ragazzi dell’Azione cattolica, di cui vorremmo dedicare un po’ di spazio raccontando dei loro campi che nei primi due anni si svolsero in Valseisera, al Villaggio Montasio, che non era altro che la vecchia polveriera che il ministero della Difesa aveva affittato, subito dopo la guerra, alla diocesi di Gorizia prima di riprendersela negli anni Settanta per poi abbandonarla definitivamente. Oggi è in preda a rovi e sterpaglie. Dinanzi si ergeva maestoso il Montasio, splendente di sole il mattino, mentre al pomeriggio spesso gli facevano cappello le nuvole. In quel villaggio il gruppo cormonese partecipò nel 1967 e nei 1968 ai campi scuola organizzati dalla Giac diocesana (la sigla dei giovani di Azione cattolica destinata negli anni successivi a essere soppiantata). Con il gruppo di Cormons – una decina di ragazzi, due responsabili e l’assistente don Mario Malpera – i gruppi di altre parrocchie della diocesi. A sovrintendere il tutto Giorgio Pontoni in qualità di direttore. Il gruppo Cormons in entrambi gli anni soggiornava in Villa Paradiso, che era quella più a nord del villaggio, la più lontana, immersa nel silenzio del bosco. Con Cormons erano aggregate le parrocchie di Mossa e Farra, il colore dei fazzolettoni era l’azzurro dal quale prendeva il nome il gruppo.

Venti giorni trascorsi tra catechesi, introdotte dalla visione di un film, uscite nei boschi, giochi di squadra e gite con tre mete fisse: i i rifugi Grego e Pellarini e il santuario del Lussari; e poi la giornata dei genitori, la visita del vescovo. Nel 1967, pochi giorni dopo la nomina, mons. Pietro Cocolin visitò il Villaggio Montasio e si intrattenne un po’ con tutti, ma lungo fu l’incontro con i ragazzi cormonesi. Volle conoscere ognuno di loro, informarsi delle loro famiglie; riandava così ai suoi ricordi di venti anni prima quando era cappellano nel centro collinare. Capitava sempre quando aveva l’occasione di incontrare i cormonesi, giovani e non: era allora un fiume di ricordi.

Furono quei due anni in Valseisera ricchi di esperienze, di amicizie che si stringevano e anche di fermenti nuovi che si potevano trovare nei dibattiti e nei comportamenti, ma anche in certe forme di esteriorità che cercavano di uscire dagli schemi tradizionali come nel 1968 – assistente del campo era don Valeriano Lepre che sarebbe morto in un incidente stradale nel dicembre di quello stesso anno – quando si utilizzò le canzoni in voga in quel momento per dettare i ritmi della giornata. Così “Angeli Negri” di Fausto Leali aveva la funzione delle campane: richiamava i momenti di preghiera e i riti religiosi; oppure quando si diffondevano le note di “Azzurro” era tempo di recarsi in mensa. In quell’anno i ragazzi cormonesi trascorrevano qualche serata assieme al gruppo scout del Cormons I che, per la presenza in parrocchia di un solo cappellano, avevano organizzato il loro campo di reparto proprio in Valseisera, a poche decine di metri dal Villaggio Montasio.

I due anni trascorsi in Valseisera servirono come esperienza quando nel 1969 Cormons decise di organizzare un proprio campo estivo autonomo. La scelta cadde sulla località di Chiandarens, nel comune di Forni di Sopra, di fronte al gruppo dei Monfalconi e al sentiero che porta ancora oggi al rifugio Giaf e alla sella Scodovacca, che si raggiungeva non senza fatica attraversando il ghiaione assolato. Gli schemi di quelle giornate, presenti una ventina di ragazzi delle scuole medie, i responsabili e l’assistente che era sempre don Mario, erano quelli collaudati in Valseisera con l’introduzione di qualche novità come quello dei “raggi”, gli incontri a tema copiati dalla Gioventù studentesca.Campo parrocchiale a Sigiletto 1970

A dire il vero il primo campo organizzato in autonomia dal gruppo parrocchiale fu quello tra agosto e settembre 1968, organizzato a Zovello, frazione di Ravascletto, con protagonisti i giovani dei primi anni delle superiori. Il campo giovani fu ripetuto due anni dopo, nel 1970, quando si scelse come meta Sigilletto di Forni Avoltri che, diventerà, poi, con Collina, la sede di tutti i campi degli anni Settanta. A Sigilletto il campo estivo dei ragazzi delle scuola media aveva trovato alloggio nell’ex asilo, mentre i giovani dormivano nella soffitta di una casa adiacente. Parroco di quel paesino era don Carlo Costantini, che divenne e rimase amico dei cormonesi anche quando lui lasciò la parrocchia e i ragazzi scesero altre mete. Con Sigilletto si strinse una sorta di patto di amicizia: gli incontri non si limitavano solo all’estate, avvenivano anche durante l’anno e in particolare a dicembre arrivava Babbo Natale Natale con la gerla colma di regali per i bambini del paese. Sigilletto divenne così sinonimo di estate per tanti ragazzi cormonesi che in quegli anni Settanta parteciparono ai campi estivi imparando altri nomi della geografia locale scoperta durante le lunghe scarpinate: l’Ombladet, i laghi Bordaglia con le loro casere, il Giramondo, il Volaia, i rifugi Tolazzi, Lambertenghi e Marinelli, il Coglians.

Nel 1973 venne tagliato un altro traguardo: il primo campo estivo per le ragazze, reduci l’anno prima dell’esperienza maturata al campo Gioia che la diocesi aveva organizzato a Bagni di Lusnizza. Il campo estivo del 1973 fu quello dell’addio di don Mario e del suo avvicendamento con don Duilio: il campo della Maria Rosa, della Laura, Campo parrocchiale 1975della Giuliana e di tante altre ragazze, alcune delle quali dieci anni più tardi diedero vita all’Acr, per riprendere il filo di un’azione che non si era mai interrotto e che è stato tenuto in vita in quegli anni dai gruppi parrocchiali. Forse non agivano ufficialmente sotto il nome dell’Azione cattolica - in quegli anni alla ricerca di una nuova strada per quanto riguardava i giovani sebbene chi scrive fu per nomina arcivescovile presiedente parrocchiale della gioventù di Ac nel biennio 1968-1970 - ma sono convinto che l’Acr cormonese avrebbe faticato a nascere se non ci fossero stati i gruppi parrocchiali a vivificare l’ambiente giovanile. Valseisera, Chiandarens, Sigilletto, Bagni di Lusnizza, Collina sono state tappe di un cammino che ancora continua.

Informazioni

 

Diretta Streaming

 

Diretta Video Live:

Accesso utente

 

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2018

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Dana Sport articoli sportivi
  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato.
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.

Stillate, cieli, dall’alto, le nubi facciano piovere il Giusto; si apra la terra e germogli il Salvatore. (Cf. Is 45,8)

Gianfranco Ravasi, Cardinale

Esprimo la mia vicinanza alle popolazioni delle Filippine, colpite da un forte tifone che ha provocato molti morti e distrutto tante abitazioni. Che il Santo Niño porti consolazione e speranza alle famiglie più colpite. #PreghiamoInsieme.

Francesco, Papa

Notizie del SIR

Cerca un Sito Cattolico