Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
In seguito al D.P.C.M. 08/03/2020 e alle disposizione dell'Arcivescovo Carlo, tutte le celebrazioni e le attività programmate in parrocchia vengono sospese fino al 3 aprile 2020. --- Le celebrazioni possono essere seguite in streaming su questo sito o sul canale You Tube. --- Le chiese restano aperte per le preghiere personali. ---
  • Le comunità
    Tutte le news da chiesacormons.it
    Gli orari delle sante messe
    La settimana insieme
    Il calendario annuale
  • In linea diretta
    Live da Rosa Mistica
    I 3 canali radio
    I podcast degli eventi principali
    I nostri video
    Gli album fotografici
  • I servizi
    Richieste alla parrocchia
    Domande frequenti
    Ufficio
    Chi siamo
  • La storia
    Le 20 chiese dell'unità pastorale
    I gruppi e le associazioni
    Briciole di storia nostra
    Cosa è successo negli anni scorsi

Visita Pastorale del Vescovo Carlo: S.Messa

Guarda la galleria fotografica

Visita Pastorale del Vescovo CarloIniziata domenica 2 febbraio, si è conclusa con la S.Messa celebrata in Duomo domenica 9 febbraio la Visita Pastorale alla Collaborazione pastorale di Cormons del Vescovo Carlo.

La celebrazione Eucaristica è stata presieduta dal Vescovo Carlo insieme a mons. Paolo, don Mauro e don Fausto.

Durante la settimana il Vescovo ha incontrato le Associazioni, i Gruppi, i bambini e i ragazzi delle Scuole, l’Amministrazione Comunale, gli anziani della casa di riposo, le aziende, le famiglie, tutte quelle realtà ecclesiali e cattoliche presenti sul nostro territorio.

Proprio per questo che mons. Paolo all’inizio della Messa ha voluto ringraziarlo.

Ringraziamenti che mons. Carlo ha ricambiato all’inizio la sua omelia durante la quale si è soffermato sul senso cristiano del “Sale e della Luce”: il cristiano è sempre una luce accesa dal fuoco dello Spirito.

La S.Messa è stata accompagnata dalla Corale di Sant’Adalberto, dalla Corale di San Giorgio di Brazzano, dal Coretto bambini “don Furio” di Brazzano e dal Coretto giovani Cormons.

Corso lettori

Martedì 11 febbraio alle ore 20.30, presso il Centro Pastorale “Mons. Trevisan” a Cormòns, don Loris Della Pietra, direttore dell’Ufficio Diocesano per la Liturgia della Diocesi di Udine, sarà nuovamente in mezzo a noi per aiutarci a vivere meglio la bellezza della Parola di Dio! Ringraziamo tutti i lettori che compiono questo ministero liturgico dal grande significato, perché la Parola di Dio è essenziale per la Fede del cristiano. Ed è un ministero esercitato nella Celebrazione Eucaristica, che è il centro della vita della Chiesa. Come ci ha ricordato don Loris, nelle pagine della S. Scrittura è Dio stesso che parla a noi, e lo fa per amore, per il nostro bene. La sua Parola è feconda, creatrice. Gesù addirittura è la Parola di Dio diventata uno di noi: «E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi» (Gv 1,14).

«Nelle letture, che vengono poi spiegate nell’omelia, Dio parla al suo popolo, gli manifesta il mistero della redenzione e della salvezza, e offre un nutrimento spirituale; Cristo stesso è presente per mezzo della sua Parola, tra i fedeli... Con le letture si offre ai fedeli la mensa della parola di Dio e si aprono loro i tesori della Bibbia» (Principi e norme per l’uso del messale, n. 32-33).

Il saluto al Vescovo Carlo

Guarda la galleria fotografica

saluto al Vescovo CarloDomenica, in conclusione della visita Pastorale del Vescovo alla nostra Comunità, dopo la Santa Messa, unica per tutti, ci siamo ritrovati tutti sotto il tendone del Ric per un saluto finale. Presenti anche rappresentanti di varia etnie residenti nel nostro comune. Ognuno di loro ha offerto del cibo tipico delle loro terre, cantato e ballato intrattenendo i presenti e coinvolgendoli nelle loro danze. Un ringraziare meglio il Vescovo per la Sua presenza in questa settimana non si poteva fare meglio. Lo abbiamo avuto fra di noi. Abbiamo potuto godere della Sua presenza. Abbiamo potuto parlarci come ad un amico. Ha cercato di fare visita a tutti, dalle associazioni, ai poveri, agli ammalati, alle realtà imprenditoriali, ai sindaci, nel poco tempo a disposizione. Ha messo a disposizione la Sua e-mail personale per chi volesse dire la sua (vescovo @arcidiocesi.gorizia.it.). Grazie Vescovo Carlo.

Il Vescovo Carlo incontra le scuole medie

Guarda la galleria fotografica

Il Vescovo Carlo incontra le scuole medieNon poteva mancare la visita alle scuole cormonesi. Le scuole medie e quelle slovene. Tutti hanno potuto parlare con il loro Vescovo che si è messo a disposizione dei ragazzi. Un Vescovo che, nella Sua visita Pastorale, e ricordiamo che la nostra comunità è stata la prima ad avere il privilegio di essere visitata, ha voluto conoscere di persona la nostra realtà.

Il Vescovo Carlo incontra i giovani

Guarda la galleria fotograficaIl vescovo Carlo incontra i giovani

Il Vescovo Carlo venerdì pomeriggio ha incontrato  i ragazzi che ha cresimato negli anni passati. Numerosissimi hanno risposto al Suo invito. Si sono ritrovati tutti presso l’enoteca. Un breve discorso a ricordare il giorno della loro cresima. Ha seguito un brindisi tutti insieme ed il Vescovo si è intrattenuto con tutti. Con tutti. A gruppetti si è soffermato a parlare, come uno di loro, per non dimenticare. Per ricordare che il loro Vescovo c’è stato, c’è e ci sarà sempre. Grazie Vescovo Carlo

Il Vescovo Carlo incontra il Sindaco di Cormòns

Guarda la galleria fotografica

Nei vari incontri che il vescovo Carlo ha avuto durante la visita pastorale alla Collaborazione pastorale non poteva mancare l’incontro con le autorità amministrative. Così sabato il vescovo ha incontrato il sindaco di Cormons Roberto Felcaro e gli assessori Antonietta Fazi, Massimo Falato, Mauro Drius e Fabio Russiani a Palazzo Locatelli. Un incontro cordiale  nel quale il vescovo ha voluto conoscere le varie realtà della cittadina, che sono state poi illustrate dal sindaco.

Il Vescovo Carlo incontra le Associazioni

Guarda la galleria fotografica

Sono state 25 le associazioni, operanti in diversi settori dal sociale alla cultura allo sport, che hanno risposto all’invito del vescovo Carlo  e hanno partecipato all’incontro svoltosi  nella sala civica di Palazzo Locatelli. Il rappresentante di ogni associazione ha presentato in breve l’attività che viene svolta. Tante storie, piccole o grandi, che rendono ricca la comunità di valori ed esperienze e la fanno crescere. Il vescovo, nel ringraziare, ha voluto proprio sottolineare due aspetti: la bellezza del fare attività  che sono occasione di relazione ma anche di crescita e, poi, la gratuità di gesti e esperienza  fatte da volontari. Come è stato ricordato nell’incontro le associazioni che volessero far conoscere più approfonditamente l’attività che svolgono possono inviare una email a: vescovo @arcidiocesi.gorizia.it.

Incontro del Vescovo con gli anziani della casa di riposo

Guarda la galleria fotografica

visita casa d riposoGiornata piena di visite per il nostro Vescovo quella di venerdì. Nel pomeriggio è stato suo desiderio incontrare gli anziani della locale casa di riposo. Celebrata la Santa Messa con la presenza, al Suo fianco dell nostro don Mauro. Un omelia riprendendo spunto dalle parole del vangelo. Anche se pochi di noi illuminano il mondo, molti vedono della luce che noi diamo. Siamo cristiani, non nascondiamolo. Non abbiamone timore. Diffondiamo il Vangelo nel mondo. Dopo la Messa, si è recato dagli anziani alettati, quelli che non hanno potuto assistere alla Messa,per portare loro la Comunione. Un saluto personale ed una stretta di mano non è mancata a nessuno. Il Vescovo come uno di noi. Con tutti noi. Grazie

Il Vescovo incontra il Gruppo Caritas e il Gruppo Missionario

Guarda la galleria fotografica

Il Vescovo incontra i Gruppi Caritas e MissionarioContinua la visita pastorale di Mons. Radaelli nelle nostre Comunità.

La sera di giovedì 6 febbraio nel locale del Ric é toccato al Gruppo Caritas e al Gruppo Missionario incontrare il Vescovo a cui hanno illustrato le loro attività sia in ambito locale che nel mondo, specialmente a sostegno delle popolazioni più povere del continente africano.

Mons. Radaelli ha apprezzato queste belle iniziative e ha chiesto ai presenti di raccontare delle esperienze belle vissute nella nostra comunità e quali fossero i loro sogni.

La serata si è conclusa con il riferimento da parte del Vescovo all’episodio narrato nel capitolo XXXVIII dei Promessi Sposi e la considerazione del Manzoni che sottolinea quanto sia facile servire e quanto è difficile condividere.

Il vescovo incontra i genitori dei bimbi della prima comunione

Guarda la galleria fotografica

il vescovo incontra i bimbi della prima conunione

Una domenica senza sosta per il nostro vescovo Carlo. Terminata la santa messa e l’incontro con la comunità di Borgnano, un nuovo incontro lo aspettava al Ric di Cormòns. I genitori dei bimbi della prima comunione erano in attesa di poter conferire con il vescovo. E non solo loro. Presenti anche tutti i bimbi seduti in centro alla sala, per terra, come tutti i bimbi del mondo sanno fare. Vedersi il vescovo dal basso verso l’alto non è stata certo, per loro, cose di tutti i giorni. Dopo un introduzione iniziale, il vescovo ha consegnato a tutti una preghierina da farsi anche a casa, assieme ai genitori.

Memoria di Sant'Apollonia- Santa Messa

Lunedì 10 febbraio, alle ore 18.30 nella Chiesa di Sant’Apollonia, si rinnova la tradizione di celebrare la S.Messa ricordando questa Santa Martire del III secolo. La Celebrazione sarà accompagnata dalla Corale “Sant’Adalberto” che, con gioia e cura, condivide sempre con la Comunità i momenti importanti della vita liturgica della Parrocchia Cormonese (la S.Messa in Rosa Mistica viene sospesa).

Il martirio di Apollonia è riportato dallo storico Eusebio di Cesarea (265-340) che, nella sua “Historia Ecclesiastica” scritta nel terzo secolo, trascrive un brano della lettera del vescovo S.Dionigi di Alessandria († 264), indirizzata a Fabio di Antiochia, in cui si narrano alcuni episodi dei quali era stato testimone. Durante le persecuzioni dei primi cristiani, molti seguaci di Cristo furono flagellati e lapidati, al massacro non sfuggirono nemmeno i più deboli; i pagani entrarono nelle loro case saccheggiando tutto il trasportabile e devastando le abitazioni. Durante questo furore sanguinario dei pagani, fu presa anche la vergine anziana Apollonia, definita da Eusebio “parthenos presbytès” (, che però nell’iconografia sacra, come tutte le sante vergini, è raffigurata in giovane età e le colpirono le mascelle facendole cadere i denti, oppure, come la tradizione ha riportato, le furono strappati i denti con una tenaglia. La sua festa, sin dall’antichità, si celebra il 9 febbraio (noi quest’anno posticiperemo la S.Messa al giorno dopo). Santa Apollonia, vergine e martire di Alessandria d’Egitto, è invocata in tutti i malanni e dolori dei denti; il suo attributo, nell’iconografia, è una tenaglia che tiene stretto un dente.

Il Vescovo incontra il Sindaco di Dolegna del Collio

Guarda la galleria fotografica

Il Vescovo incontra il Sindaco di Dolegna del CollioNel programma della visita pastorale che il vescovo Carlo compie nella Collaborazione pastorale ci sono incontri anche con le istituzioni del territorio. Il primo di questi si è svolto lunedì a Dolegna del Collio, dove l’arcivescovo è stato ospite in municipio del sindaco Carlo Comis. E’ stato un incontro cordiale durante il quale il vescovo, che era accompagnato da don Fausto e da suor Maria, ha voluto conoscere la realtà del comune, che è il più piccolo della provincia di Gorizia, e le sue problematiche. La prima, ha sottolineato il sindaco, è quello dello spopolamento anche perché ormai le nascite sono praticamente a zero. E una di queste conseguenze è che da alcuni anni è assente la scuola: i pochi bambini frequentano la scuola materna e quella primaria di Prepotto. E con Prepotto, pur appartenendo alla provincia e alla diocesi di Udine, c’è anche una collaborazione della parrocchia di Dolegna in particolare per le attività nei confronti dei ragazzi.

Inizio visita pastorale. Borgnano

Guarda la galleria fotografica

visita pastorale a Borgnano

Nella parrocchiale di Santa Fosca, a Borgnano, il vescovo Carlo ha iniziato la visita pastorale alla Collaborazione pastorale di Cormons celebrando la messa nella domenica che ci ricorda la presentazione di Gesù al tempio a 40 giorni dalla sua nascita. Ed anche nella domenica che si celebra la Candelora.

“Vorrei  che la visita pastorale  per la vostra comunità e  quella dell’unita pastorale di Cormons – ha detto il vescovo all’omelia ricordando la lettera pastorale dello scorso anno “anch’io mando voi” – fosse l’occasione  per riprendere  uno slancio missionario, per essere più consapevoli del dono delle  fede e saperlo con semplicità testimoniarlo  agli altri. Come? Riprendo un’indicazione  che do spesso: non nascondendo  di essere cristiani, Non tanto esibendolo, ma non nascondendo che lo siamo, che crediamo in Gesù, che andiamo in chiesa, che cerchiamo di vivere il Vangelo. E questo dove viviamo: in famiglia, sul lavoro, a scuola, con gli amici, nei rapporti sociali, ecc.” Non nascondere di essere cristiani, ha continuato il vescovo, “pronti, se lo Spirito Santo ce ne dà l’aspirazione, a spiegare, con semplicità e convinzione, perché crediamo in Gesù e perché sappiamo che è davvero la luce che illumina la vita di ogni persona, anche di chi ci incontra”.

Le pareti di un corridoio a Rosa Mistica sono una pagina di storia cormonese

Santuario di Rosa MisticaNel Santuario di Rosa Mistica a Cormòns le pareti del corridoio a sinistra dell’altare sono delle pagine di un libro di storia della comunità cormonese e dei paesi limitrofi. Una storia di tante famiglie dal 15 gennaio 1737 ad oggi: una storia fatta di dolori, gioie e speranze di riscatto. Nelle pareti di quel corridoio sono, infatti, esposti i quadretti ex voto con la scritta PGR (Per Grazia Ricevuta) di tante persone di Cormòns e dei paesi limitrofi, che in questo modo hanno voluto ringraziare Maria Rosa Mistica, a cui si erano affidati in un momento di difficoltà. Una storia iniziata il 15 gennaio 1737 quando le cronache cormonese descrivano che una ragazza mentre stava pregando nel Santuario di Rosa Mistica vide sgorgare delle gocce di sudore dal manto della statua della Vergine.

Vescovo Carlo: siamo tutti santi, perché illuminati, perdonati e santificati

Nella omelia del Vescovo Carlo nella Celebrazione Eucaristica di conclusione dell'Ottavario di Rosa Mistica ha ricordato che la vocazione alla santità è di Conclusione Ottavario 2020tutti i cristiani e non solo di Maria. Questa è la ragione per cui, come scrive Paolo ai Corinti, i primi cristiani si chiamavano santi. L’Arcivescovo specificando meglio aggiunge: “Santi per chiamata e per grazia: non perché perfetti e impeccabili. Santi perché illuminati, perdonati e santificati da Gesù. Ma proprio per questo resi luce.” Facendo riferimento alle parole di Isaia proclamate nella prima lettura “Io ti renderò luce delle nazioni” il Vescovo Carlo ha specificato che Gesù è la luce del mondo, ma noi possiamo “testimoniarlo riflettendo la sua luce – pur nei nostri limiti, le nostre imperfezioni e i nostri peccati – e diventare luce per gli altri.” Il Presule ribadendo un suo pensiero più volte proposto ha chiesto ai fedeli presenti di “non nascondere di essere cristiani lì dove si vive: in famiglia, tra i parenti, tra gli amici, al bar… Pronti - ancora una volta con l’aiuto dello Spirito Santo – a presentare agli altri Gesù come il nostro tesoro.”

“Cosa vorresti dire al Vescovo Carlo?”

FotoDurante la settimana dal 2 al 9 febbraio, l’Arcivescovo incontrerà le varie realtà delle nostre Comunità; la Sua Visita ufficiale è un’occasione per entrare in dialogo con il Vescovo che, in quanto successore degli Apostoli, è la presenza del Collegio Apostolico in mezzo a noi. In questa domenica proponiamo l’iniziativa

“Cosa vorresti dire al Vescovo Carlo?”

All’interno di Settimana Insieme troviamo un foglio che domenica prossima 2 febbraio potrà essere “imbucato” nelle apposite cassette che per l’occasione sono state predisposte nelle nostre Chiese.

Chi lo desidera può, eventualmente inviare anche una mail direttamente al Vescovo Carlo: vescovo@arcidiocesi.gorizia.it

Inoltre, sabato 8 febbraio 2020, l’Arcivescovo sarà disponibile per colloqui personali in Ufficio Parrocchiale a Cormòns dalle ore 11.00 alle ore 12.30: è necessario, però, prenotarsi al mattino presso l’Ufficio Parrocchiale.

Il vescovo Carlo fra noi

Le Comunità della nostra Collaborazione si preparano alla Visita Pastorale, che l’Arcivescovo Mons. Carlo Roberto Maria Redaelli effettuerà da domenica 2 a domenica 9 febbraio 2020.

Come ci ha ricordato il Vescovo Carlo “Si tratta di uno degli impegni principali di vescovo e come tale voglio viverla (…) La visita non può che avere come destinataria la comunità cristiana nelle sue componenti ed attività e riferirsi alla sua vita quotidiana. Altre realtà, per esempio gli ambienti del lavoro, possono essere visitate dal vescovo con discrezione e se c’è disponibilità: lui non ha più alcuna autorità, almeno di prestigio, nei loro confronti”. Scopo della Visita Pastorale, quindi, è avviare nella nostra Diocesi “una nuova tappa evangelizzatrice”: annunciare Gesù morto e risorto come il Salvatore di tutti; annunciare l’amore immenso del Padre per ogni uomo ed ogni donna; annunciare il dono dello Spirito che ci divinizza convertendo i nostri cuori.

Viviamo questa importante esperienza ecclesiale “senza aspettarci naturalmente alcun miracolo e senza caricare la Visita Pastorale di chissà quali attese... perché poi ciò che rende viva la Chiesa e sostiene la sua missione è la realtà di ogni giorno, il cammino pieno di Fede, speranza e carità che si snoda quotidianamente nella semplicità di una vita credente nutrita dalla Parola e dai Sacramenti. Ma è giusto non aspettarsi alcun miracolo? O non è forse necessario pregare con umiltà e fiducia affinché la Visita Pastorale porti frutto secondo la volontà di Dio?”

Tesseramento 2020 - RIC Cormons, NOI Associazione

Anche domenica prossima 2 febbraio sarà possibile rinnovare, o dare per la prima volta, la propria adesione a Ric Cormòns. Lo abbiamo ricordato più volte: facendo la TESSERA RIC Cormòns NOIASSOCIAZIONE, ci si potrà sentire parte di un progetto, aiutare il Circolo per gestire e coordinare un luogo accogliente per la Comunità. Le quote per il 2020 sono rimaste invariate: 7,00 per i maggiorenni; 5,00 per i minorenni.

Una novità per questo 2020 sarà la Borraccia termica a doppia parete (500 ml) per tutti gli aderenti al Ric, in modo particolare bambini, ragazzi e giovani! Sarà presentata domenica prossima e coloro che hanno già rinnovato l’adesione 2020, potranno riceverla in Ufficio Parrocchiale nei pomeriggi dal 3 febbraio 2020. La “Boraccia del Ric” vuole essere un segno concreto di amore verso il Creato! Utilizzare questa borraccia vuol dire smettere di consumare ogni giorno bottiglie di plastica che sappiamo essere molto poco ecologiche. Dietro alla “Boraccia del Ric” c’è, quindi, la consapevolezza che questi piccoli gesti quotidiani, non solo aiutano a preservare l’ambiente nel concreto, ma aiutano a creare nei ragazzi una vera mentalità ecologica.

Presentazione bambini Prima Comunione e premiazione PresepeWeb 2019

Guarda la galleria fotografica

Presentazione bambini Prima ComunioneDomenica 26 gennaio 2020, in Duomo, durante la S. Messa delle ore 10.00 sono stati presentati alla Comunità i bambini del II anno di catechesi, che dal mese di ottobre stanno frequentando gli incontri di catechesi per prepararsi a ricevere il Sacramento dell’Eucarestia. La festa della Prima Comunione non è un avvenimento religioso che interessa soltanto i bambini e le loro famiglie ma coinvolge l’intera Comunità per domandare a tutti l’aiuto della preghiera e del buon esempio.

Durante la celebrazione ha avuto luogo anche la premiazione del concorso PresepeWeb 2019 istituito dal sito della parrocchia ChiesaCormons.it. La redazione ha voluto consegnare due premi che sono andati rispettivamente a Isabella e Massimiliano Toti quale presepe più votato dal pubblico e al sig. Giuliano D’Osualdo a cui vai il premio della giuria. Un sentito ringraziamento a tutti i partecipanti ed un arrivederci alla prossima edizione!

Aquile Randage… il film

Guarda la galleria fotografica

Cormons film Aquile RandagieIn occasione della Giornata della Memoria, nel pomeriggio del 25 gennaio 2020 nel Teatro Comunale di Cormòns è stato proiettato il film “Aquile Randagie.

Aquile Randagie è un film italiano del 2019 diretto da Gianni Aureli.

Il film racconta la storia delle Aquile randagie, gruppo di ragazzi scout che svolgevano attività clandestinamente all'epoca del fascismo.

Il film, ambientato tra Milano e la Val Codera, una valle secondaria della Valchiavenna, appena prima della guerra, tratta di un gruppo scout di Milano che, dopo l'editto del duce Benito Mussolini, il quale imponeva la chiusura di tutte le associazioni scout italiane, si ribella al fascismo. Durante la guerra alcuni membri del gruppo aderiscono all'O.S.C.A.R., ossia un'associazione antifascista segreta creata dai ribelli antifascisti per salvare le famiglie ebree di Milano portandole oltre il confine svizzero. Grazie a questa associazione il gruppo scout riesce a salvare decine di famiglie ebree.

Al termine della proiezione il regista ha risposte alle domande e curiosità che il pubblico, formato anche da scout bambini, giovani e adulti, gli ha posto.

Pagine

Calendario annuale

 

Diretta Streaming

 

 

 RadioInsieme 1: Duomo

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 2: Rosa Mistica

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 3: Centro Pastorale

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 4: san Leopoldo

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

Hai problemi di ascolto ?
Clicca qui.

Accesso utente

 

Il Vangelo della settimana

 

29-03-2020

In questa quinta domenica di Quaresima, noi giungiamo al culmine di un itinerario che ci prepara ai giorni santi in cui contempleremo la passione, morte e risurrezione di Gesù. Dopo l’acqua, la luce, l’appuntamento odierno con il Vangelo di Giovanni affronta un altro elemento, determinante, dell’esistenza del discepolo: la morte Ognuno di noi, infatti, deve prima o poi misurarsi con la morte: la morte degli altri, ma soprattutto la propria morte e le piccole morti che costellano il nostro andare e ci mettono di fronte alla nostra fragilità, che in questi giorni tocchiamo con mano! Nel gesto di Gesù, che chiama Lazzaro fuori dal sepolcro, c’è dunque qualcosa di straordinariamente grande. Il potere della morte non è più così solido ed imbattibile come si crede. Esso riceve qui una sconfitta evidente proprio quando la sua vittoria sembrava irreparabile. Ed è solo il prologo di ciò che accadrà quando Gesù stesso ingaggerà una lotta decisiva con la morte, passando attraverso di essa, prima di giungere alla risurrezione ed alla gloria. La morte non può più fare paura perché è solo un passaggio, non la fine di tutto. Ad una visione disincantata e rassegnata, si sostituisce così, uno sguardo realistico, ma pieno di speranza e di ottimismo. Il Dio che asciuga le lacrime dal volto degli uomini (come dice con accenti di tenerezza il libro dell’Apocalisse) è Colui che, attraverso il suo Figlio, sconfigge la morte. Possa questo brano di Giovanni rinnovare in noi la Speranza e la Fede in Gesù: il suo nome è salvezza. Oggi più che mai! 

La preghiera della settimana

 

29-03-2020

La morte ci fa paura, Signore Gesù:
la morte di coloro che amiamo
perché vengono strappati
al nostro affetto, alla nostra amicizia,
ma soprattutto la nostra morte
perché non possiamo prevedere
quando avverrà e in quali condizioni.
Noi vorremmo essere in grado
di padroneggiare ogni istante
della nostra vita e invece la morte sfugge
al nostro dominio
e ci rinvia brutalmente
alla nostra fragilità.
Quel giorno, a Betania, Signore Gesù,
tu hai fatto intravedere
la tua commozione
per la morte dell’amico Lazzaro:
il tuo pianto ci ha rivelato
quanto ti stava a cuore
la relazione con lui,
ma anche la ferita provocata
dalla sua scomparsa.
Tu, però, Signore Gesù,
proprio in quel giorno di dolore
ci hai invitati ad andare oltre,
a riconoscere che tu sei
la risurrezione e la vita
e che chiunque crede in te
non rimarrà nelle mani della morte,
ma vivrà per l’eternità.
Sì, Signore Gesù, in qualsiasi modo
e in qualunque momento arrivi,
non sarà la morte a pronunciare
l’ultima parola su di noi.
Sarai tu a toglierci dal suo gorgo oscuro,
dal suo potere, e a farci rinascere
ad una vita nuova,
che ha il gusto dell’eternità. 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

(Roberto Laurita)

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2018

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Dana Sport articoli sportivi
  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato..
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.

Nessuno accende una lampada e la copre con un vaso o la mette sotto un letto, ma la pone su un candelabro, perché chi entra veda la luce (Lc 8,16)

Gianfranco Ravasi, Cardinale

Siamo chiamati ad essere testimoni e messaggeri della misericordia di Dio, per offrire al mondo luce dove sono le tenebre, speranza dove regna la disperazione, salvezza dove abbonda il peccato.

Francesco, Papa

Il Grest alla festa dell'uva 2019 | Unità Pastorale di Cormòns chiesacormons.it/node/9183

Donpi, mons

Notizie del SIR

Cerca un Sito Cattolico

Informazioni sul sito

Informazioni e statistiche riferite al sito chiesacormons.it

I numeri del sito al (19/5/2016)

7167
Pagine pubblicate
8007
Foto pubblicate
7200
Megabytes di dati inseriti
708
Utenti registrati

La redazione

Adalberto Chimera
Articolista

Responsabile dei contatti con la stampa.

Voce Isontina front man.

Alfredo Di Carlo
Fotografo ed articolista

Valente fotografo ed articolista.

Appassionato della tecnologia e prezioso supporto tecnico.

Anastasia Di Carlo
Redattrice ed fotografa

Entusiasta redattrice e promettente fotografa.

Abbiamo lei che abbatte la media d'età del sito.

Francesca Bortolotto
Redattrice ed articolista

Redattrice ed articolista.

Affronta le cose con un bel sorriso, lo fa in modo serio.

Andrea Femia
Direzione operativa

Direzione operativa della redazione.

Chiesacormons evangelist.

Francesco Marcon
Articolista, redattore

Redattore e informatico.

Fai un "fischio" ed arriva. Sempre disponibile.

Franco Femia
Articolista, redattore

Autorevole articolista.

Un giornalista vero, il pedigree della redazione.

Giorgio Abate
Fotografo ed articolista

Fotografo ed articolista.

Il nostro Jolly. Sempre sulla notizia.

Luciano Bozzini
Redattore ed informatico

Redattore ed informatico.

Giovane promessa. Sempre affidabile e disponibile.

Luciano Ventrella
Fotografo e redattore

Fotografo e redattore.

Si muove in discrezione con grande efficienza.

Lucio Iacolettig
Direzione tecnica

Direzione tecnica e riprese video.

E' quello che alza la media d'età alla redazione.

mons Paolo Nutarelli
Supervisore

Supervisore della redazione.

Il delicato tocco spirituale e grande motivatore del gruppo.

Partrik Bussani
Fotografo ed articolista

Fotografo ed articolista.

Tiene sempre il motore caldo per essere sulla notizia.

Roberto Tomat
Redattore

Responsabile sezione canzoniere liturgico.

Tutta l'Italia accede al materiale che pubblica.

Santina Odelli
Fotografa ed articolista

Valente fotografa ed articolista.

Il tocco di classe femminile alla redazione.

Simone Cappello
Fotografo e redattore

Fotografo artista e redattore.

Oltre al resto, l'apporto artistico alla redazione.

Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
RSS icon
e-mail icon