Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
Martedì 17/09 alle ore 16:30 si incontreranno l'Equipe Catechisti "Tappa Festa Prima Comunione" - Secondo Anno Catechesi --- Martedì 17/09 alle ore 20:30 si incontreranno l'Equipe Catechisti "Tappa Festa del Battesimo" - Primo Anno Catechesi --- Mercoledì 18/09 ore 20:30 nel Centro Pastorale "Mons. Trevisan" incontro dei Consigli ed Assemblee Parrocchiali della nostra Collaborazione Pastorale ---
  • Le comunità
    Tutte le news da chiesacormons.it
    Gli orari delle sante messe
    La settimana insieme
    Il calendario annuale
  • In linea diretta
    Live da Rosa Mistica
    I 3 canali radio
    I podcast degli eventi principali
    I nostri video
    Gli album fotografici
  • I servizi
    Richieste alla parrocchia
    Domande frequenti
    Ufficio
    Chi siamo
  • La storia
    Le 20 chiese dell'unità pastorale
    I gruppi e le associazioni
    Briciole di storia nostra
    Cosa è successo negli anni scorsi

In 700 ogni anno percorrono il Cammino Celeste.

Ogni anno tra le 600 e le 700 persone percorrono il Cammino celeste, l’itinerario che in dieci tappe che con partenza dalla basilica di Aquileia,Presentazione Cammino Celeste ma qualcuno anche dall’isola di Barbana, per raggiungere il santuario di Monte Lussari. Dati che sono stati forniti dai promotori del Cammino celeste, che è stato presentato nella sala civica del municipio di Cormons. “il nostro obiettivo è di arrivare in tre anni a 2500-3000 camminatori” – ha affermato Aurelio Pantanali, presidente del Circolo culturale Navarca di Aiello del Friuli che, con l’associazione Iter Aquileiensis, cura l’organizzazione del Cammino celeste.
Il percorso è stato ideato, primo nel Friuli Venezia Giulia, nel 2006 e si è fatto ben presto conoscere tra gli appassionati di questi cammini, che giungono da varie parti d’Italia e dell’Europa e fuori Europa. Il sito di Cammino celeste è visitato mediamente da 100 persone al giorno e questo conferma l’interesse per questo turismo lento, fatto solo di passi, che unisce l’aspetto religioso e di fede a quello naturalistico perché offre diversi paesaggi: si va infatti dalla laguna alle colline e poi fino all’alta montagna. “Si cammina per spiritualità – ha detto in un breve intervento Andrea Bellavite -, per un senso profondo della propria fede, ma anche per conoscere meglio se stessi”.

Nomina nuovi decani

Con il decreto del 12 febbraio scorso, l’Arcivescovo, facendo riferimento al can 555 § 1-2-3 del C.D.C., ha nominato i nuovi Decani:

  • Decanato di Gorizia: don Fulvio Marcioni;
  • Decanato di Cormòns-Gradisca: mons. Paolo Nutarelli;
  • Decanato di Monfalcone-Ronchi-Duino: don Paolo Zuttion;
  • Decanato di Aquileia-Cervignano-Visco: don Franco Gismano;
  • Decanato di Sant’Andrea: don Marijan Markežič.

Come più volte ha ricordato l’Arcivescovo, compito del Decano è, anzitutto, essere un “uomo di comunione”, un uomo cioè capace di relazionarsi con tutti, suscitando, accogliendo ed esaltando l’impegno di ciascuno e, insieme, orientandolo all’utilità comune; capace, inoltre, di progettare, sostenere, valorizzare e coordinare un vero e proprio “lavorare insieme”, realizzato nel segno della comunione-collaborazione- corresponsabilità. Il Decano, infatti, viene scelto ed incaricato per promuovere la pastorale d’insieme nel proprio Decanato. Questa è la sua funzione specifica. Una funzione da intendersi non certo in senso meramente esteriore o burocratico ma in senso propriamente ecclesiale e, quindi, con tutta quella ricchezza di significati pastorali e spirituali di cui è segnato l’agire della Chiesa.

Liturgia Battesimale per i bambini del primo anno di Catechesi

Guarda la galleria fotografica

Liturgia Battesimale per i bambini del primo anno di catechesiMartedì 19 febbraio 2018 i bambini del primo anno della Catechesi si sono ritrovati, assieme ai loro genitori, nel Duomo di Cormòns per fare memoria del loro battesimo in preparazione della Prima Comunione e per riscoprire la gioia dell’essere stati immersi nell’Amore del Signore.

Durante la celebrazione ogni bambino si è presentato all’assemblea ed ha consegnato al celebrante (don Paolo) un foglio con il disegno del proprio nome. Infine, ciascuno ha intinto la mano destra nell’Acqua Santa facendo il Segno della Croce quale segno tangibile dell’appartenenza a Dio ed in memoria del proprio Santo Battesimo.

Liturgia battesimale

Liturgia battesimaleMartedì 19 febbraio, alle ore 16.30 in Duomo, i bambini del primo Anno della Catechesi (Tappa del Battesimo) vivranno, all’interno dell’itinerario catechistico, la Liturgia Battesimale.

Con questa celebrazione, i bambini saranno invitati a riscoprire la gioia dell’essere stati immersi nell’Amore del Signore, così come è avvenuto, a partire dal giorno del loro Battesimo.

Il Battesimo è solo l’inizio, la porta d’ingresso nel cammino dell’iniziazione cristiana. Esso, passando attraverso la Cresima, trova il suo compimento nell’Eucarestia, il Sacramento che realizza il pieno inserimento, la totale comunione d’amore in Cristo e nella Chiesa.

Ultima replica di "Mary Poppins"

Mary Poppins - Gorizia 24/02/2019Cormòns, Grado, Cervignano del Friuli, Povoletto, Gradisca d’Isonzo, Palmanova… le tappe di un percorso, di una strada che hanno visto protagonisti i Rompiscena, i giovani del Ric Cormòns che vivono la passione del Teatro. È stato un viaggio meraviglioso nel quale, ovunque, è emersa l’emozione, sia in chi veniva a Teatro, sia negli attori. Lo scrittore e giornalista Massimo Gramellini così esorta i giovani: “Innamoratevi, di qualunque cosa, ma innamoratevi. L’errore della generazione prima di voi è stata quella di andare subito all’incasso. Bisogna progettare. Un essere umano muore dentro quando smette di avere un progetto di vita. Finché lo hai, hai gli occhi che brillano”.

Possa essere l’esperienza del Teatro una bella occasione per allargare gli orizzonti. Come ricorda Papa Francesco “Cari Giovani scommettete su ideali grandi, quegli ideali che allargano il cuore, quegli ideali di servizio che renderanno fecondi i vostri talenti. Cari giovani, abbiate un animo grande! Non abbiate paura di sognare cose grandi!” Per concludere questo viaggio non c’era porto migliore che il Teatro “Verdi” di Gorizia: è qui che, domenica 24 febbraio alle ore 17.30, i Rompiscena rappresenteranno, per l’ultima volta, “Mary Poppins”.

Consigli ed Assemblee Pastorali Parrocchiali

Consiglio ParrocchialeI Consigli ed Assemblee Pastorali Parrocchiali di Brazzano, Borgano, Cormòns e Dolegna del Collio, s’incontreranno domani lunedì 18 febbraio alle ore 20.30, presso la Sala Basso del Centro Pastorale “Mons. Trevisan”. All’Ordine del giorno c’è la  programmazione della Quaresima, del Tempo Pasquale e la riflessione sulle indicazioni del Vescovo Carlo. 
Ricordiamo che nei prossimi mesi le nostre Parrocchie, unite in Collaborazione Pastorale, vivranno la Visita Pastorale dell’Arcivescovo.
Attenzione: eccezionalmente per questa settimana il Gruppo della Parola verrà sospeso.

Giornata Mondiale del malato in Casa Albergo

Guarda la galleria fotografica

Giornata Mondiale del malato nella Casa AlbergoVenerdì 15 febbraio 2019, i volontari, i medici, gli infermieri, gli operatori sanitari e soprattutto gli ospiti della Casa Albergo di Cormons si sono ritrovati presso la Chiesetta sita al quarto piano dell’edificio per ricordare assieme la Giornata Mondiale del malato. I “nonnini” e le “nonnine” presenti hanno voluto presenziare alla celebrazione della Santa Messa presieduta da don Paolo e don Fausto partecipando anche all’Eucarestia.

Papa Francesco ricorda come non sia sufficiente curare l’integrità fisica della persona ma sia fondamentale anche perfezionare le relazioni interpersonali. In questo contesto assumono particolare importanza la qualità delle relazioni esistenti tra gli ospiti della casa albergo, il personale ed i volontari al fine di sostenere anche moralmente e spiritualmente oltre che fisicamente le sofferenze dei malati.

La chiesa di Santa Fosca profanata dagli arditi.


La chiesa fu ridotta a una vera stalla lorda e fetente!”, conclude così don Luigi Tomat, vicario a Borgnano, in una lettera inviata il 21 aprile cartolina della chiesa di S. Fosca del 19061918 all’arcivescovo Francesco Borgia Sedej per descrivere i danni subiti dalla chiesa di Santa Fosca nella notte tra il 27 e il 28 ottobre 1917 durante la ritirata di Caporetto. Di questo fatto si parlerà venerdì 15 giugno, alle 20, nella sala conferenze dell’albergo ristorante “da Gon” a Borgnano durante la presentazione del libro “Cormons e Brazzano 1917-18”, scritto da Giovanni Battista Panzera, Franco Femia, Livio Ciancarella e Giacomo Cavalli.

Giornata Mondiale del Malato

Giornata Mondiale del MalatoIn prossimità dell’11 febbraio, data in cui in tutto il mondo si celebra la Giornata Mondiale del malato, in molte strutture sanitarie della Diocesi si moltiplicheranno appuntamenti nei quali riflettere sul tema della sofferenza e dell’affiancamento ai malati. Papa Francesco, nel suo messaggio, presenta un’idea di cura che non guarda solo all’integrità fisica ma anche a quella ricchezza relazionale che è un elemento irrinunciabile per una salute a tutto tondo, anche spirituale. Venerdì 15 febbraio, alle ore 16.00 durante la S.Messa in Casa Albergo, invitiamo i volontari e con loro anche tutti i professionisti – medici, infermieri, operatori sanitari – per pregare insieme: la Giornata è un modo per sottolineare questa vicinanza e per ringraziare chi ogni giorno la pratica.

Presentazione libro a Borgnano

Venerdì 15 febbraio alle ore 20.00, nella sala del ristorante Gon, sarà presentato il libro "Cormons Brazzano 1917-1918” alla presenza degli autori Giovanni Battista Panzera, Franco Femia, Livio Ciancatella e Giacomo Cavalli.

Memoria di Suor M. Licia

MEMORIASuor M. Licia
di
Suor M. LICIA

di Gesù e Maria

(Teresina  BATTAGLIA)

nata a San Vito al Tagliamento (Pordenone)
il 26 dicembre 1931

 morta a Cormòns (Gorizia)
il 2 febbraio 2019

65 anni di Consacrazione Religiosa

“Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace,

perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza.” (Luca 2, 29.30)

Dopo i diversi momenti in cui la liturgia del giorno ci aveva fatto riascoltare queste parole, proclamate dal vecchio Simeone mentre prendeva il piccolo Gesù tra le braccia, e proprio mentre la Comunità le ripeteva al concludersi della giornata, silenziosamente anche suor Licia lasciava questa terra, in pace, per godere la presenza luminosa del Cristo, vera luce che illumina la nostra vita. E’ una luce a cui la nostra sorella ha fatto sempre riferimento nella propria esistenza terrena, facilitata in questo anche dalla sua attività di animatrice liturgica.

Festa di Santa Fosca a Borgnano

Guarda la galleria fotografica

Festa di Santa Fosca a BorgnanoDomenica 10 febbraio 2019, alle ore 15, la comunità di Borgnano si è riunita presso la chiesa al centro del paese per ricordare e festeggiare la figura di Santa Fosca.
Il Triduo di preghiera in preparazione della festa della Santa, iniziato lo scorso giovedì, culmina così con la Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da Don Moris Tonso, arciprete di Mossa e Lucinico, coadiuvato da don Fausto, don Mauro e don Paolo. Per l’occasione la corale di Medea, con i suoi canti, ha intrattenuto l’assemblea aiutandola ad entrare nel mistero Divino.
Le campane del paese hanno suonato a festa grazie al gruppo degli “scampanatadors”. Purtroppo quest’anno le avverse condizioni meteo non hanno permesso lo svolgersi della tradizionale Processione con l’immagine della Santa Patrona lungo le vie del paese.
Al termine della celebrazione l’assemblea si è spostata nella sala attigua alla chiesa per un momento di agape fraterna.

San Valentino - Ruttars

Guarda la<br />
galleria fotografica

San Valentino Ruttars 2019La comunità cristiane Ruttars, domenica ha celebrato la Festa Patronale. La Festa Patronale è un giorno importante per una comunità parrocchiale, perché è l’occasione per rinsaldare i legami comunitari che fanno della parrocchia una famiglia di famiglie. La mattina, quindi,  la comunità  si è adunata per la Celebrazione Eucaristica in memoria di San Valentino al termine della Santa Messa si è snodata la processione tra i colli. Hanno animato la festa di San Valentino gli scampanotadors di Mossa e il coro “Mont Quarin”. 

Santa Messa in Memoria di Sant’Apollonia

Guarda la galleria fotografica

Sant'ApolloniaVenerdì 8 febbraio si è rinnovata la tradizione di celebrare la S.Messa in ricordo di Sant’Apollonia, Santa Martire di Alessandria d’Egitto vissuta nel III secolo.
Durante le persecuzioni dei cristiani la Santa preferì lanciarsi volontariamente nel fuoco piuttosto che rinnegare la fede in Dio. Per le torture subite prima del martirio questa Santa viene invocata da coloro che hanno problemi ai denti, infatti è la protettrice dei dentisti e il suo attributo nell’iconografia è una tenaglia che tiene stretto un dente.
La Celebrazione è stata accompagnata dalla Corale di Sant’Adalberto.

Memoria di Sant'Apollonia - Santa Messa anticipata

Sant'Apollonia

Venerdì 8 febbraio, alle ore 18.30 nella Chiesa di Sant’Apollonia, si rinnova la tradizione di celebrare la S.Messa ricordando questa Santa Martire del III secolo. La Celebrazione sarà accompagnata dalla Corale “Sant’Adalberto” che, con gioia e cura, condivide sempre con la Comunità i momenti importanti della vita liturgica della Parrocchia Cormonese (la S.Messa in Rosa Mistica viene sospesa).

Il martirio di Apollonia è riportato dallo storico Eusebio di Cesarea (265-340) che, nella sua “Historia Ecclesiastica” scritta nel terzo secolo, trascrive un brano della lettera del vescovo S.Dionigi di Alessandria († 264), indirizzata a Fabio di Antiochia, in cui si narrano alcuni episodi dei quali era stato testimone.

Durante le persecuzioni dei primi cristiani, molti seguaci di Cristo furono flagellati e lapidati, al massacro non sfuggirono nemmeno i più deboli; i pagani entrarono nelle loro case saccheggiando tutto il trasportabile e devastando le abitazioni. Durante questo furore sanguinario dei pagani, fu presa anche la vergine anziana Apollonia, definita da Eusebio “parthenos presbytès”, che però nell’iconografia sacra, come tutte le sante vergini, è raffigurata in giovane età e le colpirono le mascelle facendole cadere i denti, oppure come la tradizione ha riportato, le furono strappati i denti con una tenaglia.

Luca, il Vangelo della misericordia

Paolo Curtaz, nella sua meditazione sul Vangelo di Luca, ha voluto focalizzarsi sulle tre parabole della misericordia che si trovano al capitolo 15,Paolo Curtaz proprio al centro del suo Vangelo. Queste parabole sono la risposta che Gesù vuole dare ai mormorii degli scribi e farisei che non ritenevano giusto che i pubblicani e peccatori ascoltassero gli insegnamenti del rabbino errante di Nazareth. Leggendo le parabole della pecora smarrita, della moneta perduta e del padre misericordioso si ha subito l’immagine della misericordia del Padre. Quale pastore lascia incustodito il gregge per trovare una pecora smarrita? Quale pastore si carica sulle spalle il peso di 70 o 80 chilogrammi di una pecora? Chi trovata una moneta organizza una festa in cui spende più del valore della moneta ritrovata? Quale padre, infine, riaccoglie un figlio che ha sperperato la sua eredità in prostitute e dissolutezze? Queste parabole sono un esempio per dimostrare l’infinita misericordia di Dio Padre verso ogni donna e ogni uomo. Dio non chiede ai peccatori di pentirsi, ma li perdona. Davanti all’infinito amore di Dio il peccatore sentendosi perdonato si pente.
Luca ci presenta un Gesù che prega continuamente. La preghiera di Gesù è un dialogo continuo con il Padre che gli dà la forza di poter riuscire a incontrare tanta sofferenza, a riuscire a rispondere a tutte le mormorazioni degli scribi e farisei ed infine poter accettare la Passione e la Morte in Croce.

Scuola animatori diocesana Cormons

Scuola Animatori DiocesanaConoscere la missione della Comunità cristiana e dell’animatore, imparare uno stile di relazioni, assimilare alcune tecniche di gestione del gruppo, di una serata o di una particolare attività, ma anche interrogarsi sulla propria vocazione e sui talenti che il Signore ha concesso a ciascuno ed instaurare una rete di collaborazione e conoscenza fra diversi oratori e ricreatori: questi e molti altri sono gli obiettivi della Scuola Diocesana per Animatori proposta dalla Pastorale Giovanile Diocesana che, anche quest’anno, ha scelto il nostro Ricreatorio per proporre il cammino di formazione.

Per tre settimane, ogni martedì (partendo dal 5/02), i giovani delle scuole superiori potranno confrontarsi e mettersi alla prova per preparare l’estate 2019!

La continuazione ideale del Corso Animatori sarà la partecipazione alla Festa dei Giovani, organizzata dal Movimento Giovanile Salesiano Triveneto al Pala Arrex di Jesolo, domenica 10 marzo 2019. Un evento, come questo, permette di vedere come si può gestire, in grande, l’animazione e la bellezza di essere Chiesa.

Informazioni in Ufficio Parrocchiale, nei pomeriggi.

Madonna Candelora a San Leopoldo

Guarda la<br />
galleria fotograficaMadonna Candelora

Sabato sera, nella chiesa di San Leopoldo a Cormòns, passati quaranta giorni dal natale, la nostra comunità si è ritrovata per la sesta della presentazione di Gesù al tempio. L’accensione delle candele poste sui banchi ha dato inizio alla celebrazione. Candelora è il nome con cui è popolarmente nota la festa della Presentazione al Tempio di Gesù, celebrata dalla Chiesa cattolica il 2 febbraio.

Il Vangelo di Luca narra che i genitori di Gesù, quando compì 40 giorni, lo portarono al Tempio per offrire in sacrificio una coppia tortore o di giovani colombi, come prevedeva la legge mosaica per la «purificazione» della madre di un maschio primogenito, nel caso di una famiglia povera, qual era quella del falegname di Nazaret: «Se non ha mezzi da offrire un agnello, prenderà due tortore o due colombi: uno per l’olocausto e l’altro per il sacrificio espiatorio» (Lv 12, 8).

Festa della Madonna Candelora: Presentazione al Tempio del Signore

Festa della Madonna CandeloraQuaranta giorni dopo la Natività, la Chiesa celebra la festa della Presentazione al Tempio di Gesù, ovvero, come è chiamata nella tradizione del cristianesimo orientale, la festa dell’Incontro del Signore. È il momento in cui si conclude il tempo natalizio, rivelando e ricapitolando il pieno significato del Natale in una sequenza di gioia pura e profonda. La festa commemora e contempla un evento riportato nel Vangelo di Luca: quaranta giorni dopo la nascita di Gesù a Betlemme, Giuseppe e Maria, secondo la pratica religiosa del tempo, portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore, così come prescritto dalla legge mosaica. Secondo Lv. 12, 2-8, la madre di un figlio maschio doveva presentarlo, quaranta giorni dopo la nascita, al tempio ed offrire in olocausto, come purificazione per sé, un agnello o, per i più poveri, una coppia di colombe o di tortore, che nell’icona della festa sono portate da Giuseppe, rimarcando le modeste condizioni economiche della Sacra Famiglia. La presentazione di un primogenito maschio aveva anche
il significato di riscatto, perché apparteneva a Dio (Nm. 18, 14-18).

L'adorazione eucaristica per le vocazioni

Adorazione Eucaristica per le VocazioniOgni venerdì (partendo dal 1° febbraio) alle ore 17.45 in Rosa Mistica riprende la Preghiera di Adorazione per le vocazioni di speciale consacrazione.

Lasciamoci avvolgere dal Signore e contempliamo l’Amore che si fa pane e che diventa presenza in mezzo a noi. 

Siamo chiaramente coinvolti tutti, a prescindere da connotazioni anagrafiche o specialistiche: la vocazione è il modo con il quale il Signore chiama, accompagna e realizza per sempre la felicità di ogni uomo e di ogni donna!

Pagine

Diretta Streaming

 

 

 RadioInsieme 1: Duomo

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 2: Rosa Mistica

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 3: Centro Cattolico

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 4: san Leopoldo

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

Hai problemi di ascolto ?
Clicca qui.

Accesso utente

 

Calendario annuale

 

Il Vangelo della settimana

 

15-09-2019

La liturgia della Parola di questa domenica ci ha invitato alla contemplazione della misericordia di Dio e del suo grande amore per il suo popolo. Nella prima lettura è stato evocato il grande peccato dell’idolatria, il vitello d’oro che Israele si fabbrica, un peccato sempre in agguato. Per l’intercessione e la preghiera di Mosè, Dio ha pietà e perdona. Nella seconda lettura è l’apostolo Paolo che ha testimoniato in prima persona la misericordia del Signore. Egli ha riconosciuto il suo passato di peccatore ed al tempo stesso ha dato lode a Dio che gli ha usato misericordia, così che la grazia del Signore ha sovrabbondato in lui insieme alla Fede ed alla carità. Il Vangelo, infine, ci ha presentato le parabole della misericordia che Luca racchiude nel capitolo quindici del suo Vangelo. La conclusione di questo itinerario tracciato è la gioia: quella che risuona nel cielo per ogni peccatore pentito, quella di colui che viene accolto e reintegrato nella sua dignità di figlio. Dall’ascolto della Parola nasce intensa la preghiera per le nostre Comunità Parrocchiali, chiamate a camminare in Collaborazione Pastorale: sappiano essere luogo di riconciliazione e di pace, accoglienti verso coloro che sono in ricerca di Dio, ricche di misericordia verso chi ha smarrito la via del Vangelo. 

La preghiera della settimana

 

15-09-2019

Abituati a tener conto delle
percentuali, a ragionare sui dati e
sui numeri, abbiamo finito col
ritenere giustificati tanti meccanismi
di emarginazione.
Così gli esclusi dal lavoro,
quelli che non ce la fanno
a tenere il passo in un sistema
sempre più esigente,
quelli che non se la sentono di
adottare leggi ferree e spietate
dalle conseguenze dolorose,
tutti questi vengono catalogati
come una necessaria
“perdita fisiologica”.
No, Gesù,
tu ce lo dici con chiarezza,
per il Padre tuo non esistono
gli scarti da abbandonare
al proprio destino perché
ai suoi occhi noi non siamo
una massa dai contorni indistinti:
ognuno di noi è prezioso
e trova un posto nel suo cuore...

Anche quando ha sbagliato,
anche quando si è allontanato
volutamente dal gregge,
anche quando se ne è andato
in malo modo, sbattendo la porta,
anche quando si è mostrato
ingrato e pronto a ferire...
Non c’è colpa così grave
che trattenga il Padre tuo
dal cercarci con amore
sul percorso dei nostri smarrimenti,
sulle strade dell’infedeltà.
E grande è la sua gioia
quando ci abbandoniamo
al suo abbraccio di misericordia. 

 

(Roberto Laurita)

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2018

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Dana Sport articoli sportivi
  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato..
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.

Chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch'io lo riconoscerò davanti al Padre mio, che è nei cieli. (Mt 10,32)

Gianfranco Ravasi, Cardinale

Se noi vescovi e sacerdoti ci appropriamo del dono di Dio e lo trasformiamo in funzione, perdiamo lo sguardo di Gesù. Chiediamo al Signore che ci aiuti a custodire il nostro ministero come dono. #SantaMarta

Francesco, Papa

Il Grest alla festa dell'uva 2019 | Unità Pastorale di Cormòns chiesacormons.it/node/9183

Donpi, mons

Notizie del SIR

Cerca un Sito Cattolico

Informazioni sul sito

Informazioni e statistiche riferite al sito chiesacormons.it

I numeri del sito al (19/5/2016)

7167
Pagine pubblicate
8007
Foto pubblicate
7200
Megabytes di dati inseriti
708
Utenti registrati

La redazione

Adalberto Chimera
Articolista

Responsabile dei contatti con la stampa.

Voce Isontina front man.

Alfredo Di Carlo
Fotografo ed articolista

Valente fotografo ed articolista.

Appassionato della tecnologia e prezioso supporto tecnico.

Anastasia Di Carlo
Redattrice ed fotografa

Entusiasta redattrice e promettente fotografa.

Abbiamo lei che abbatte la media d'età del sito.

Andrea Femia
Direzione operativa

Direzione operativa della redazione.

Chiesacormons evangelist.

Francesca Bortolotto
Redattrice ed articolista

Redattrice ed articolista.

Affronta le cose con un bel sorriso, lo fa in modo serio.

Francesco Marcon
Articolista, redattore

Redattore e informatico.

Fai un "fischio" ed arriva. Sempre disponibile.

Franco Femia
Articolista, redattore

Autorevole articolista.

Un giornalista vero, il pedigree della redazione.

Giorgio Abate
Fotografo ed articolista

Fotografo ed articolista.

Il nostro Jolly. Sempre sulla notizia.

Luciano Bozzini
Redattore ed informatico

Redattore ed informatico.

Giovane promessa. Sempre affidabile e disponibile.

Luciano Ventrella
Fotografo e redattore

Fotografo e redattore.

Si muove in discrezione con grande efficienza.

Lucio Iacolettig
Direzione tecnica

Direzione tecnica e riprese video.

E' quello che alza la media d'età alla redazione.

mons Paolo Nutarelli
Supervisore

Supervisore della redazione.

Il delicato tocco spirituale e grande motivatore del gruppo.

Partrik Bussani
Fotografo ed articolista

Fotografo ed articolista.

Tiene sempre il motore caldo per essere sulla notizia.

Roberto Tomat
Redattore

Responsabile sezione canzoniere liturgico.

Tutta l'Italia accede al materiale che pubblica.

Santina Odelli
Fotografa ed articolista

Valente fotografa ed articolista.

Il tocco di classe femminile alla redazione.

Simone Cappello
Fotografo e redattore

Fotografo artista e redattore.

Oltre al resto, l'apporto artistico alla redazione.

Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
RSS icon
e-mail icon