Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
Ogni lunedì alle ore 20:30 presso la Sala Caminetto del Centro Pastorale "Mons. Trevisan" incontro "Gruppo della Parola" --- Lunedì 11/11 alle ore 11:00 a Dolegna nella Chiesa di San Giuseppe l'Eucarestia sarà presieduta da Mons. Luigi Olivo --- Venerdì 15/11 alle ore 12:00 in Cimitero a Cormons verrà vissuta la preghiera sulla tomba di don Pino Trevisan e deposto un omaggio floreale della Comunità --- Venerdì 15/11 alle ore 18:30 in Rosa Mistica S.Messa di suffragio per Mons. Trevisan --- Sabato 16/11 alle ore 17:40 in San Leopoldo preghiera comunitaria di Adorazione --- Domenica 17/11 a Brazzano al termine della S.Messa delle ore 11:00 Benedizione dei trattori e degli strumenti agricoli --- Domenica 24/11 a Cormons al termine della S.Messa delle ore 10:00 in Duomo ci sarà, in Piazza XXIV Maggio la Benedizione dei trattori e degli strumenti agricoli ---

AL LAVORO PER IL BEATO DANIELE D' UNGRISPACH

Comunicato stampa

Un Comitato curerà le celebrazioni del sesto centenario nel 2011

Beato Daniele D'UngrispachE’ stato costituito nei giorni scorsi il Comitato per le celebrazioni, nel 2011, del sesto centenario del Beato Daniele D’Ungrispach di Cormons, primo Sindaco di Pordenone, oblato camaldolese in Venezia-Murano.

Lo presiede Pier Giorgio Zannese, già Sindaco di Fiume Veneto; vice presidente comm. Alvaro Cardin, già Sindaco di Pordenone. Gli altri componenti sono: mons. Otello Quaia, parroco del Duomo di San Marco di Pordenone, Gianni Felcaro, presidente dell’Associazione “Fulcherio D’Ungrispach” di Cormons, Daniela Venier (Cormons), mons. Giuseppe Camilotto, arciprete della Basilica di San Marco di Venezia, don Carlo Gusso, parroco dell’Isola di Murano, mons. Paolo Nutarelli, parroco di Cormons, prof. Roberto Tirelli, storico, Walter Arzaretti e Daniele Rampogna che funge da segretario.

L’ idea di celebrare con un programma qualificato e coinvolgente il sesto centenario della morte del nobile esponente di un importante casato del Friuli austriaco, poi sposo, padre e amministratore civico a Pordenone, commerciante ricco e generoso con i poveri e i monaci a Venezia, venne lanciata dall’associazione già Sindaci della Regione Friuli V.G.

Un primo pubblico incontro si svolse nel municipio della città sul Noncello, nel mese di dicembre dello scorso anno, diretto dal Sindaco Sergio Bozonello e con relatori l’arciprete del duomo mons. Otello Quaia, l’arciprete della Basilica di S. Marco di Venezia, mons. Giuseppe Camilotto; lo storico udinese prof. Robero Tirelli ed il presidente dell’assoc. già Sindaci, Ermes Battilana.

Si posero le basi per ulteriori contatti a Cormons, luogo natale del Beato nel 1344 e sull’isola di Murano, ove egli amava ritirarsi fra i camaldolesi e dove la morte lo colse per mano sicaria nel 1411. Convinta la risposta della cittadina del Collio goriziano, grazie all’operativa presenza di un’associazione che già onora la famiglia Ungrispach nel nome di Fulcherio, zio del Beato Daniele. Il presidente Gianni Felcaro ha subito iniziato a muovere fantasia e cuore e l’allora parroco monsignor Ambrosi e il Sindaco hanno approvato.

Dalla laguna veneziana l’adesione è venuta convinta da mons. Giuseppe Camilotto, che già in passato si era adoperato per rispolverare la memoria di Daniele, e da don Carlo Gusso, parroco di Murano, con un’attenzione a cogliere il “valore” di Daniele d’Ungrispach per l’oggi del nostro essere ricchi fuori, cristiani praticanti, amministratori e politici “a servizio” spesso a parole.

Seicento anni dopo il Beato Daniele rispunta e suscita convergenze fra luoghi e contesti molto diversi: di tradizione imperiale e panorami collinari (Cormons ha nel suo stemma quello del castello avito degli Ungrispach); di vocazione industriale nella pianura (Pordenone, dove il ricordo di Daniele, podestà del Comune, era stato ripreso vent’anni fa dal compianto monsignor Pio Della Valentina); di storia e arte insigni, anche religiose, e cuore marinaro, che ammaliano la vista e attirano visitatori (a Murano giace il corpo tutto incorrotto di Daniele, fatto non solito, che già in quei tempi fece gridare al miracolo).

 

Un Comitato curerà le celebrazioni del sesto centenario nel 2011

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2018

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Dana Sport articoli sportivi
  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato..
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.

Nessuno accende una lampada e la copre con un vaso o la mette sotto un letto, ma la pone su un candelabro, perché chi entra veda la luce (Lc 8,16)

Gianfranco Ravasi, Cardinale

Siamo chiamati ad essere testimoni e messaggeri della misericordia di Dio, per offrire al mondo luce dove sono le tenebre, speranza dove regna la disperazione, salvezza dove abbonda il peccato.

Francesco, Papa

Il Grest alla festa dell'uva 2019 | Unità Pastorale di Cormòns chiesacormons.it/node/9183

Donpi, mons

Notizie del SIR

Cerca un Sito Cattolico