Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
Ogni Lunedì ore 20:30 gli appuntamenti serali del Gruppo della Parola saranno unicamente on-line sulla piattaforma Google Meet al seguente link: https://meet.google.com/pys-dnjq-zuu --- Nei giorni di mercoledì e venerdì dalle ore 16:00 alle ore 18:00 e il sabato dalle ore 09:00 alle ore 11:00 riprenderà nelle sale del Ricreatorio l'esperienza formativa di "AiutoCompiti" --- Lunedì 05/04 Lunedì dell'Angelo (Pasquetta): in Rosa Mistica S.Messa alle ore 09:00 e alle ore 18:30; a Dolegna S.Messa alle ore 10:00; a Brazzano S.Messa a Giassico alle ore 11:00 --- Martedì 06/04 alle ore 10:30 nella Chiesa del Crocefisso della Subida S.Messa di Ringraziamento --- Domenica 11/04 nel Santuario di Rosa Mistica vivremo la Domenica della Divina Misericordia: il Santuario sarà aperto dalle ore 16:30 e alle ore 18:30 verrà celebrata la S.Messa ---

Nella splendida città bavarese di Würzburg c’è una chiesa, la collegiata di  Neumünster, dove, oltre alla tomba di san Chiliano e degli altri apostoli della Franconia, si trova in una cappella un crocifisso del tutto particolare, risalente al sec. XIV. Il Cristo non ha le mani inchiodate al  braccio trasversale della croce, ma ha le braccia davanti a sé incrociate davanti al petto, come se volesse abbracciare qualcuno. Probabilmente la raffigurazione si ispira a un episodio mistico della vita di san Bernardo, che viene abbracciato dal Crocifisso.  L’evento è stato raccontato da un testimone oculare con queste parole: «Io conosco un monaco che una volta trovò san Bernardo abate che pregava, da solo in chiesa, prostrato davanti all’altare. Apparve un Crocifisso dinnanzi a lui e conficcato nel pavimento. San Bernardo abbracciò il Crocifisso con grande devozione; lo stesso Cristo, allora, staccò le braccia dalla croce e sembrava che abbracciasse e stringesse al seno il suo servo Bernardo». La cosa è stata raffigurata più volte dagli artisti, come anche un’esperienza analoga attribuita a san Francesco.

Per il Crocifisso di Würzburg, però, c’è anche una spiegazione leggendaria. Si dice che in una notte un ladro, forse un soldato, all’epoca della sanguinosa guerra dei Trent’anni (1618-1648), sia entrato in quella antica chiesa e, avendo visto che il Crocifisso portava una splendida corona d’oro, cerco di rubargliela. Ma il Signore staccò le braccia dalla croce, si chinò in avanti, abbracciò il ladro e lo accostò al suo petto. Solo il sagrestano riuscì a liberarlo dall’abbraccio il mattino successivo. Potremmo concludere: che siamo “santi”, come Bernardo o Francesco, o che siamo “ladri”, come quel soldato, in ogni caso il Crocifisso ci abbraccia.

Oggi abbiamo bisogno di questo abbraccio. Ne abbiamo bisogno in questo tempo di pandemia che non sembra finire mai. E’ vero, quest’anno rispetto allo scorso anno, possiamo celebrare la Settimana Santa e la Pasqua pur con molte comprensibili limitazioni. Però dodici mesi fa, anche se molto preoccupati, speravamo che il tutto finisse presto. Non è stato così. Molte persone si sono malate, diverse sono morte e tutti siamo preoccupati e in ansia. Abbiamo bisogno di consolazione e di una consolazione che ci infonda coraggio e speranza. Non di una consolazione illusoria, ma autentica, vera. Il Crocifisso non ci illude. Il suo essere in croce dice tutta la gravità del male, tutta la pesantezza della sofferenza, tutta l’angoscia della morte, tutta la profondità del peccato. Certo anche del peccato. Il peccato esiste ed è in questo momento la chiusura in noi stessi, il non fidarci del Signore, il cercare di salvarci egoisticamente da soli. Solo il Crocifisso ci può dare una consolazione vera. Non si può imbrogliare stando appesi a una croce, non si possono raccontare favole quando si sta esalando l’ultimo respiro. Per questo l’abbraccio del Crocifisso è l’unico che ci salva. E che importa se siamo santi o ladri, credenti o non credenti, forti o deboli, coraggiosi o paurosi. L’importante è che ci tenga stretti a Lui. E allora tutto sarà diverso.

Buona Pasqua,

 Buine Pasche,

 Vesela velika Noč.

+ vescovo Carlo

Galleria di immagini: 

Diretta Streaming

 

 

 RadioInsieme 1: Duomo

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 2: Rosa Mistica

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 3: Centro Pastorale

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 4: san Leopoldo

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

Hai problemi di ascolto ?
Clicca qui.

Accesso utente

 

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2018

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Dana Sport articoli sportivi
  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato.
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.

Nessuno accende una lampada e la copre con un vaso o la mette sotto un letto, ma la pone su un candelabro, perché chi entra veda la luce (Lc 8,16)

Gianfranco Ravasi, Cardinale

Siamo chiamati ad essere testimoni e messaggeri della misericordia di Dio, per offrire al mondo luce dove sono le tenebre, speranza dove regna la disperazione, salvezza dove abbonda il peccato.

Francesco, Papa

Il Grest alla festa dell'uva 2019 | Unità Pastorale di Cormòns chiesacormons.it/node/9183

Donpi, mons

Notizie del SIR

Cerca un Sito Cattolico