Facebook icon
YouTube icon
Google+ icon
Twitter icon
Instagram icon
Pinterest icon
e-mail icon
Accesso utente
Lunedì 18/03 alle ore 20:30 presso il Centro Pastorale "Mons. Trevisan": Gruppo della Parola --- Ogni mercoledì ore 18:30 a Brazzano Via Crucis nella Chiesa di San Rocco --- Ogni giovedì ore 18:00 Via Crucis nel Santuario di Rosa Mistica --- Ogni venerdì ore 15:00 Via Crucis nella Chiesa della Subida --- Ogni venerdì ore 18:30 Via Crucis a Borgnano a cui seguirà la S.Messa --- Venerdì 22/03 alle ore 20:30 presso la Sala Basso del Centro Pastorale "Mons. Trevisan" l'Azione Cattolica propone il primo incontro di confronto e riflessione sul magistero di Papa Francesco --- Domenica 24/03 alle ore 17:00 presso il Teatro Comunale "Verdi" Rassegna Teatrale "E se una notte un Musical" che coinvolge i Gruppi Teatrali della Diocesi di Gorizia ---

Dio è imprevedibile ed è diventato uomo perché l’uomo possa diventare come Dio

Santo Natale 2018Il Duomo di Sant’Adalberto, come tutte le altre chiese della Collaborazione pastorale, durante le Messe natalizie è stato gremito di fedeli. Tanti con tante storie diverse, c’è chi si soffre per malattie o lutti, chi è alla difficile ricerca di un lavoro e chi fatica ad arrivare a fine mese; c’è chi porta dentro di sé i propri fallimenti; c’è chi porta in grembo un bambino o è diventato mamma e papà; chi è felice perché ha trovato l’amore e chi sta realizzando i propri sogni. “Ognuno di noi - come ha detto monsignor Paolo Nutarelli alla Messa della notte di Natale - è un libro, anzi una storia, unica e irripetibile. Tu sei qui perché senti il bisogno di qualcosa, che ti dica che tu sei importante. E al di là delle tue mancanze, dei tuoi vuoti, tu sei importante”.

“Il cristianesimo è la Fede di chi crede che il Dio creatore dell’Universo, l’inaccessibile, ora è qui – ha proseguito il parroco -. È diventato uomo perché l’uomo possa diventare come Dio. Perché l’uomo torni a essere uomo. Qualcuno dice che i cristiani sono ingenui, folli, creduloni, Ma se tu sei qui, questa notte, è perché senti il bisogno di qualcosa o Qualcuno che ti dia speranza, coraggio e forza!”.

Richiamandosi al brano del Vangelo di Luca, nel quale i pastori all’annuncio della nascita di Gesù, vanno alla ricerca di “un bambino, avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia”. Non è facile muoversi nella notte, radunare le pecore, lasciare il comodo giaciglio. E poi cercare nelle stalle, nelle periferie del paese, provare ora qui ora là. A quei tempi non c’era la torcia del telefonino, né un faretto puntato sulla grotta, se vogliamo trovare bisogna fare la fatica del cercare e prima ancora lasciare.

Ecco le tre parole -trovare, lasciare, cercare - sulle quale monsignor Nutarelli ha incentrato la sua omelia. “Se vogliamo trovare è necessario prima lasciare - ha detto il sacerdote -: per, mettersi sulla strada occorre abbandonare ogni sicurezza, il tepore della casa. Non è facile perché forse noi non vigliamo cambiare e ogni novità ci mette in discussione, ti dà fastidio; lasciare significa fare una scelta, che nessuno di noi può delegare agli altri”.

Lasciare per iniziare a cercare. “Cercare significa anche liberarsi dalle paure – continua l’omelia -: quella dell’insufficienza, dei tentativi di andare a vuoto, del fallimento, del cominciare da Santo Natale 2019capo, delle vie tortuose, cercare è liberarsi della parte dell’altro, l’altro che cerca la stessa cosa come me non è un concorrente alla mia felicità e cercare è anche liberarsi del già visto, dalla strada certa. Non c’è un navigatore o una “app” capaci di guidarci verso una méta che non sappiamo dove sia”.

Resta trovare, che è l’aspetto del Natale più difficile perché “non è detto che si trovi ciò che si è cercato o cosa pensavamo di trovare. “Dio è imprevedibile e incredibile – la riflessione di monsignor Nutarelli – è il Dio della gloria ma non abita nella gloria, è il Dio della luce che non abita nella luce, non è un Dio palese ma un Dio che ama nascondersi. Eppure ci consegna dei segni per essere riconosciuto”. E quali sono: un bambino e una mangiatoia. “Un bambino è il segno della debolezza – ha sottolineato il parroco – non vive se qualcuno non si prende cura di lui. Come mai Dio ha scelto di manifestarsi in chi non è forte, né potente, non esercita alcun potere? Perché noi abbiamo paura di Dio e invece chi ha paura di un bambino appena nato?”

La mangiatoia rimanda al mangiare e Betlemme significa la casa del pane. “Dio desidera diventare cibo perché desidera essere in noi - ha sostenuto monsignor Nutarelli –. Coltivare la Fede non è tempo perso, ma è tempo nel quale rileggere la propria storia e riprendere in mano il libro della propria vita. E quando dai spazio a Dio tutto ma proprio tutto assume un nuovo colore, nuove sfumature che ti spingono ad aprirti, che ti danno coraggio ed entusiasmo, che ti fanno sognare e ti permettono di cambiare e ricambiare. E quando trovi Dio impari a chiedere scusa e a perdonare, a stringere mani e non battere i pugni, a dialogare e non urlare, ad ascoltare, cerchi di guardare il positivo negli altri, l’altro non ha sempre torto a priori. Quando trovi Dio in un bambino avvolto in fasce che giace in una mangiatoia, forse capisci che orgogli, prese di posizione, punti fermi sono relativi.

Diretta Streaming

 

 

 RadioInsieme 1: Duomo

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 2: Rosa Mistica

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 3: Centro Cattolico

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

 RadioInsieme 4: san Leopoldo

Per orari, problemi o approfondimenti clicca qui

 

Hai problemi di ascolto ?
Clicca qui.

Accesso utente

 

Post it

AIUTACI A FARE CENTRO: CON IL 5X1000 PER IL RIC!

5x1000Da quest’anno, con la dichiarazione dei redditi, si può devolvere il 5X1000 in favore del Ric Cormons, che essendo associato a NOI ASSOCIAZIONE, rientra nelle Associazioni di promozione sociale. Basterà indicare nell’apposita casella del riquadro del 5 per mille il CODICE FISCALE del Ric Cormons: 91035880318 e apporre la firma.

Senza spendere un euro in più, si potrà contribuire a sostenere le attività del nostro Ric.

Convenzioni RIC 2018

Se hai la tessera di RIC Cormòns affiliata a NOI ASSOCIAZIONE puoi beneficiare di condizioni particolari presso i seguenti esercizi:

  • Dana Sport articoli sportivi
  • Abbigliamento Melaverde
  • Cartolibreria Vecchiet
  • Cicli Cappello
  • Mediatech Computer
  • Pizzeria "Alla Pergola"
  • Teatro comunale di Cormòns
  • The Space Cinema a Pradamano

Le offerte e le modalità delle convenzioni sono consultabili su questa pagina.

Registrazione utente

La registrazione al sito dell'Unità Pastorale ti permette di accedere ai contenuti riservati alla nostra comunità.
Ti chiediamo di immettere il tuo nome e cognome reale. Ad esempio Mario Rossi.
Questo ci pemette di garantire la tracciabilità e quindi la qualità dei contenuti da parte degli utenti registrati.
L'autorizzazione all'accesso ti verrà comunicata tramite una e-mail inviata all'indirizzo che hai specificato..
Il sistema è stato configurato per respingere attacchi informatici tramite la tecnologia Mollom.

Nessuna informazione immessa verrà resa pubblica.

Da Internet

Proponiamo alcuni contenuti da siti internet consigliati. Mandaci una segnalazione per consigliarci un sito da collegare.